evasione fiscale

Agenzia delle Entrate, le professioni a rischio evasione fiscale

Italia paese di navigatori, ma anche di evasori fiscali: anche quest’anno l’Agenzia delle entrate ha reso pubblici i dati sulle dichiarazioni dei redditi del 2016 su commercianti, artigiani, professionisti e piccole imprese tutti sottoposti agli studi di settore rivelando cosଠil comportamenti fiscale pi๠o meno corretto di milioni di contribuenti italiani.

evasione fiscale

enti fiscali di milioni di contribuenti, soprattutto in tema di evasione.

E la differenza del quadro che esiste fra le dichiarazioni delle singole categorie lavorative e e stime di reddito che sono state elaborate dal nostro fisco mostrano una situazione abbastanza diversa. 

neet, giovani, lavoro, I giovani non siano selettivi nella scelta del lavoro

Professioni ricercate, 200mile profili introvabili

Elettricisti e cuochi? Sembrano essere fra i profili professionali pi๠introvabili: èquanto emerge dall’analisi del sistema informativo Excelsior che èstato realizzato da Unioncamere in accordo con l’Anpal, sulle previsioni di assunzione per il periodo tra luglio e settembre 2017 operato da imprese private dei settori industria e servizi.

I giovani non siano selettivi nella scelta del lavoro

Il problema èla mancanza di figure professionali ad hoc tanto che in 99 casi su 100 mancano i cuochi di fast food e restano vacanti 7 posti su 10 di elettrotecnici.

Contributo di rivalsa opzionale anche per i professionisti associati

Aggiornamento indispensabile per le professioni per superare la crisi

Un recente studio compiuto da Isat e Asfol sottolinea come il mondo del lavoro italiano abbia necessità  di aggiornare le proprie competenze al pi๠presto. Sono infatti circa 14 milioni gli occupati italiani che sentono il bisogno aggiornare o incrementare le conoscenze acquisite, in modo tale da essere pi๠competitivi. Solo una metà  delle professioni interessate dallo studio svolgono una volta l’anno una attività  di aggiornamento, cioèil 52 per cento circa. 

Le professioni pi๠ricercate nel corso del 2014 secondo la Cgia

Il mercato del lavoro italiano si confronta con problemi occupazionali di una certa entità , da quando la disoccupazione ha raggiunto il livello del 12,9 per cento a livello nazionale e superato la soglia del 40 per cento in quella giovanile. Eppure in Italia c’èancora una richiesta di lavorati e professioni che non riesce ad essere soddisfatta perchè mancano le professionalità  adeguate. 

La ricerca del lavoro e le indicazioni delle statistiche

In un periodo in cui il numero delle persone disoccupate continua ad aumentare di giorno in giorno e l’economia attraversa una fase di pesante recessione, le statistiche sono sempre utili per la ricerca di un lavoro e l’avvio di una professione ricercata in futuro? Le statistiche sono certo delle approssimazioni dalle quali si puಠdedurre quali mestieri saranno destinati a scomparire nel lungo termine, quale tipo di preparazione o competenza servirà  a coloro che si affacceranno sul mondo del lavoro, ma forse non esattamente quali saranno con sicurezza le professioni pi๠richieste nei prossimi 30 anni.