Agenzia delle Entrate, le professioni a rischio evasione fiscale

di Fabiana Commenta

Italia paese di navigatori, ma anche di evasori fiscali: anche quest’anno l’Agenzia delle entrate ha reso pubblici i dati sulle dichiarazioni dei redditi del 2016 su commercianti, artigiani, professionisti e piccole imprese tutti sottoposti agli studi di settore rivelando così il comportamenti fiscale più o meno corretto di milioni di contribuenti italiani.

evasione fiscale

enti fiscali di milioni di contribuenti, soprattutto in tema di evasione.

E la differenza del quadro che esiste fra le dichiarazioni delle singole categorie lavorative e e stime di reddito che sono state elaborate dal nostro fisco mostrano una situazione abbastanza diversa. 

Le categorie a maggior rischio di evasione fiscale sono i barbieri e i parrucchieri: solo nel 45% dei casi risultano in regola con il fisco.

Il 55% dichiara invece ricavi troppo bassi, ma solo aver letto le stime del fisco, la categorie si adegua e i dati cambiano: salgono al 64,28% i casi di categoria che risultano in linea con il fisco.

Fra le categorie di “evasori” anche le lavanderie: il 52% non rientra nelle stime degli studi così come i fiorai al dettaglio, fermi al 48%. Dopo la richiesta di adeguamento i dati cambiano e si allineano al 70%.

EVASIONE FISCALE IN ITALIA, LE CIFRE

Le categorie che invece sembrano avere problemi con il fisco e rispettate in pieno gli studi di settore sono invece gli amministratori di condominio, che restano ligi al 75%.

In regola anche i laboratori di analisi (con il 74% dei casi in linea con il fisco) vista l’importanza della fatturazione e della registrazione nel tipo di prestazioni. Insomma: il quadro è chiaro. Quando si può si continua ad evadere.

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>