Fisco, il primo tax day dell’anno 

di Fabiana Commenta

 

Lunedì 17 giugno 2019: una data da ricordare in effetti visto che si tratta del primo tax day dell’anno per le imprese e per le famiglie. Una giornata che frutterà all’Erario circa 32,6 miliardi di euro come stimato dalla Cgia di Mestre. 

La scadenza per le famiglie e le imprese è quella dell’acconto dell’Imu/Tasi da versare per le seconde-terze case e per gli immobili strumentali: acconti della prima rata che frutteranno entrate per circa 9,9 miliardi. 

E gli imprenditori dovranno versare invece al fisco le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori per circa 12 miliardi. 

Industriali, commercianti, artigiani e lavoratori autonomi sono anche chiamati al versamento dell’Iva allo Stato per un totale di 9,8 miliardi e dovranno corrispondere le ritenute Irpef trattenute sui compensi dei lavoratori autonomi per circa 935 milioni. Numeri da capogiro di cui si occupa anche la Cgia. 

Non saranno pochi gli imprenditori che avranno difficoltà a recuperare le risorse economiche per onorare gli impegni fiscali. Oltre alla congiuntura difficile, le banche continuano a erogare il credito con il contagocce. 

Fa notare la Cgia confermando anche che i prestiti bancari alle imprese di piccola dimensione (con meno di 20 addetti)continuano a scendere inesorabilmente dal 2012.   

Oltre a puntare il dito sull’importo delle tasse e sulle tariffe alte che vengono applicate dai commercialisti per la gestione della contabilità aziendale, si somma poi il costo della burocrazia fiscale che ammonta a circa 3 miliardi di euro all’anno. 

La Cgia pertanto fa anche notare che oltre ad avere una pressione fiscale tra le più elevate d’Europa, in Italia è anche molto estremamente difficile pagare le tasse perché il nostro sistema tributario è fra i più complessi e farraginosi che ci siano che rischia addirittura di mettere in difficoltà i nostri addetti ai lavori come i commercialisti, le associazioni di categoria o i Caf per non parlare degli imprenditori stessi anche perché le piccole attività non possono permettersi un ufficio amministrativo strutturato. 

GIUGNO 2019, LE SCADENZE FISCALI DEL MESE

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>