Agenzia delle Entrate-Riscossione, dal 1 luglio sostituisce Equitalia

di Fabiana Commenta

Per effetto del decreto fiscale 193/2016, convertito nella Legge 225/2016 e approvato insieme alla Legge di Bilancio ad ottobre, a partire dal 1 luglio 2017, Equitalia sarà soppressa. Da questo momento in poi, le cause pendenti e le cause in corso saranno trasferite automaticamente all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, il nuovo ente deputato.

E il nuovo ente continuerà ad occuparsi anche della rottamazione delle cartelle inevase con una sorta di sorta di sanatoria su more e sanzioni per i cittadini che potranno pagare quanto dovuto all’ente senza alcun tipo di interesse. Come anticipato, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione presenta maggiori poteri rispetto ad Equitalia circa le modalità di riscossione inoltre è bene ricordare che cartelle e debiti pendenti con Equitalia, comprese anche le imposte erariali e locali, come ad esempio Tasi, Imu, Tari, ma anche bollo auto, non spariranno con la soppressione di Equitalia, ma saranno automaticamente trasferite alla nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione.

EQUITALIA, ARRIVA IL PIANO DI RIMBORSO

In sostanza esisterà una vera e propria continuità nella riscossione dei crediti, visto che il cambio operato di agenzia nel soggetto di riscossione non cancella affatto il debito. Tutti i cittadini che abbiano ricevuto una cartella di pagamento o che abbiano in atto un piano di rateizzazione dovranno corrispondere la cifra dovuta al nuovo ente incaricato. Anche tutti i cittadini che hanno aderito entro il 21 aprile scorso (dopo la proroga) alla rottamazione agevolata delle cartelle Equitalia, riceverà comunicazioni dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione e dovrà versare quanto dovuto nel piano di rimborso i una o diverse rate.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>