Canone Rai, come chiedere l’esenzione del secondo semestre del 2017

di Fabiana Commenta

Se ancora non l’avete fatto, ricordate che c’è tempo fino a venerdì 30 giugno per poter presentare la dichiarazione di non detenzione della tv e chiedere l’esenzione del pagamento del secondo semestre del 2017 del canone Rai che danno scorso anno addebitato direttamente in bolletta. 

Il canone Rai di 90 euro viene ripartito automaticamente in 10 rate mensili da 9 euro in bolletta per chiunque possieda un apparecchio televisivo e che sia titolare di un’utenza per la fornitura di energia elettrica dove abbia anche la sua residenza anagrafica. 

L’importo sarà addebitato sulle fatture emesse dall’impresa elettrica per i contratti della tipologia “clienti residenti” (clienti domestici con tariffe D1, D2 o D3 per i contratti conclusi dal 2016) e della tipologia “altri clienti domestici” (clienti domestici con tariffa D3 per contratti conclusi fino al 2015).

Nel caso in cui l’intestatario non possieda alcun apparecchio televisivo è esentato dal pagamento: in questo caso si dovrà compilare il quadro A del modello di dichiarazione sostitutiva pubblicato o sul sito dell’Agenzia delle Entrate o sul sito Federconsumatori.

Inoltrando la comunicazione entro il 30 giugno è possibile evitare almeno il pagamento relativo al secondo semestre nel caso in cui non abbiate trasmesso entro il 31 gennaio scorso la dichiarazione sostitutiva che avrebbe consentito di essere esentati dal pagamento dell’intero anno in corso.

Tra l’altro la dichiarazione ha validità solo annuale per cui se le condizioni di esenzione restano in atto è necessario presentarla di nuovo nel periodo compreso tra il 1° luglio 2017 e il 31 gennaio 2018 per evitare il pagamento per il prossimo anno.

Gli utenti che invece risultano intestatari di una o più utenze elettriche addebitabili, ma che non sono tenuti al pagamento (nel caso ad esempio in cui il canone sia già stato pagato per una fornitura intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica) dovranno invece compilare il quadro B del modello di dichiarazione sostitutiva.

In questo caso invece la dichiarazione può essere inoltrata in ogni momento dell’anno e ha effetto dal 1° gennaio dell’anno di presentazione, ma non deve essere ripresentata annualmente, eccezion fatta nel caso in cui vengano meno i presupposti precedentemente dichiarati.

 

CANONE RAI, ADDEBITO IN BOLLETTA NONOSTANTE L’ESENZIONE

Dopo che avrete compilato la dichiarazione sostitutiva dovrete inviarla via web attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate, attraverso le credenziali Entratel o Fisconline, attraverso intermediari abilitati delegati, come CAF o professionisti o attraverso raccomandata semplice all’indirizzo Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale 1 di Torino, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello Abbonamenti TV – casella postale 22 – 10121 Torino e solo in questo caso va allegata la copia di documento di identità valido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>