POS obbligatorio – La posizione della Confesercenti e del Codacons

A partire dalla fine del mese di giugno 2014, tutti gli artigiani, i commercianti e i liberi professionisti, per effetto di una legge di recente emanata dal Governo, sono tenuti ad accettare i pagamenti elettronici per tutti gli importi superiori a 30 euro. Questo significa anche dotarsi obbligatoriamente del POS, il dispositivo che consente le transazioni effettuate con carte di credito e bancomat. 

Foto | Tim Sloan/AFP/Getty Images

Cosa cambia con l’introduzione del POS obbligatorio

A partire dallo scorso mese di giugno tutti gli artigiani, i liberi professionisti e gli esercenti commerciali sono obbligati a mettere a disposizione dei clienti un nuovo dispositivo di pagamento, il POS, o Point of Sale, il dispositivo elettronico che consente di accettare pagamenti attraverso gli strumenti di pagamento elettronico, come le carte di credito e i bancomat. 

L’Italia èun paese sicuro in merito a carte di credito e POS

A partire dallo scorso 30 giugno 2014 tutti gli artigiani, i commercianti e i liberi professionisti sono obbligati ad accettare i pagamenti elettronici effettuati attraverso l’utilizzo di carte di credito, carte di debito e bancomat per importi che abbiano un valore superiore ai 30 euro. Tale modalità  di pagamento, tuttavia, in Italia ancora non èmolto diffusa ma i nostri connazionali sembrano essere ancora molto legati al contante. 

Foto | STR/AFP/Getty Images

Limite pagamento in contanti 2014

Foto | STR/AFP/Getty Images

Si rincorrono le voci su una possibile introduzione di un limite al pagamento in contanti per il prossimo anno 2014. Per adesso il ministero dell’Economia e delle Finanze ha smentito qualsiasi voce sull’introduzione di una nuova limitazione del contante. Ciಠche rimane certo perಠsono una serie di novità  che andranno a modificare le vite lavorative di  venditori e professionisti che dovranno accettare pagamenti con moneta elettronica dal 1° gennaio 2014. Sarà  quindi operativo l’obbligo di legge che èstato imposto con il decreto n. 179 del 2012 sui limiti al pagamento in contanti.