Vacanze, 1 italiano su 5 la sceglie in base al cibo 

di Fabiana Commenta

Gli italiani non rinunciano al cibo e alla buona tavola neppure in occasione delle vacanze: lo conferma lo studio della Coldiretti “La vacanza Made in Italy nel piatto” che è stato reso noto con l’apertura del Villaggio contadino della Coldiretti a Milano con diecimila agricoltori al Castello Sforzesco.

imu, lavoro, PROCIDA, NOZZE, SPIAGGIA

I dati sono chiari: il cibo rappresenta la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri che sarà destinato alla tavola per consumare pasti nei ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismo senza dimenticare il cibo di strada o le specialità enogastronomiche della zona. 

Di fatto, l’importo complessivo totale stimato nel 2019 sarà di 27 miliardi all’anno, il massimo storico di sempre. 

Insomma il giro d’affari è molto alto e conferma che il cibo rappresenta per quasi un italiano su cinque (19%) la principale motivazione di scelta del luogo delle vacanze.

Un altro 53% degli italiani con lo considera un criterio importante su cui basare la propria preferenza di villeggiatura e un 5% degli intervistati dichiara di non prenderlo affatto in esame. 

La maggior parte dei vacanzieri, il 72% degli italiani, una a sui prodotti della cucina locale e solo il 17% ricerca anche in villeggiatura i sapori di casa propria. Il resto cerca invece la sperimentazione della cucina internazionale. 

Insomma l’enogastronomia è una delle voci più importanti del budget delle vacanze degli italiani e stravince anche fra i turisti: il 42% dei turisti in vacanza in Italia sceglie un prodotto tipico da riportare a casa oppure da regalare ai parenti e agli amici come ricordo della propria villeggiatura. Un giro d’affari di circa 3 miliardi di euro.

ITALIANI IN VACANZA, IN PARTENZA 39 MILIONI 

photo credits | thinsktock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>