Home » Definizione agevolata, le domande fino al 31 luglio 

Definizione agevolata, le domande fino al 31 luglio 

Con il “decreto Crescita” (decreto-legge 34/2019, convertito con modificazioni dalla legge 58/2019) sono stati ufficialmente riaperti i termini per aderire alla Definizione agevolata 2018, nota anche come “rottamazione-ter” e al “Saldo e stralcio”. E l’INPS ricorda che la scadenza per la presentazione delle nuove domande èstata fissata al 31 luglio 2019. 

imposte, legge di bilancio tasse, Aumento delle tasse nel 2012

L’istituto ricorda anche che la riapertura termini riguarda esclusivamente i debiti che non siano stati inseriti in una precedente domanda di adesione presentata entro e non oltre il 30 aprile 2019.

Per poter aderire alla definizione ènecessario consultare il sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it dove sono disponibili tutte le informazioni utili, i modelli da utilizzare per l’adesione, le guide alla compilazione e i servizi web che Agenzia delle Entrate-Riscossione mette a disposizione per poter inviare le domande tramite pc, smartphone e tablet, senza andare allo sportello.

Rottamazione-ter

L’agevolazione consiste nella possibilità  di estinguere i debiti iscritti a ruolo contenuti nelle cartelle di pagamento versando solo le somme dovute, ma senza pagare le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali non sono dovuti invece gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

àˆ possibile scegliere di pagare gli importi scontati a rate o in una soluzione unica. 

 

“Saldo e stralcio”

€ riservato a chi abbia un’ISEE del nucleo familiare che non supera i 20mila euro: èriservato a persone fisiche in grave e comprovata difficoltà  economica, che possono cosଠestinguere alcune tipologie di debito usufruendo di una forte riduzione delle somme residue dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione. 

In questo caso potrà  essere pagato il 16, 20 o 35% degli importi, la percentuale varia in base all’ ISEE. 

ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE, àˆ UN FLOP

 PHOTO CREDITS | THINKSTOCK