Agenzia delle Entrate, la consultazione delle fatture elettroniche dal 31 maggio  

di Fabiana Commenta

 

Servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche dell’Agenzia delle Entrate, si slitta: il servizio sarà disponibile non a partire dal 3 maggio, come previsto, ma a partire dal prossimo 31 maggio. Lo comunica la stessa Agenzia con il provvedimento del 29 aprile 2019, che prevede anche tempi più lunghi per l’adesione, che slitta quindi al 2 settembre 2019. 

carburanti, fatturazione elettronica, iva, partite iva, acconto iva, bando, fattura, saldo, lavoratori autonomi

Lo slittamento, spiega l’Agenzia, è dovuto all’adeguamento alle direttive del Garante Privacy circa i i nuovi obblighi di introduzione della fatturazione elettronica, entrata in vigore lo scorso 1 gennaio 2019. Praticamente, con la proroga il servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici, sarà disponibile solo a partire dalla fine di maggio facendo anche slittare l’obbligo alla necessità di un’adesione da parte del contribuente al servizio di consultazione e memorizzazione fatture dell’Agenzia delle Entrate. Anche la scadenza per i contribuenti di aderire al servizio, tende a slittare e finisce non al 2 luglio come previsto, ma al 2 settembre prossimo. 

Intanto l’Agenzia delle Entrate ha annunciato di procedere alla temporanea memorizzazione dei file delle fatture elettroniche rendendole disponibili alla consultazione al cedente/prestatore, al cessionario/committente e agli intermediari da loro stessi delegati. Anche in questo caso sarà possibile poter effettuare l’adesione al servizio dell’Agenzia tramite apposita procedura web messa a disposizione sul portale delle Entrate, oppure tramite intermediari. 

E se almeno una delle due parti effettua l’adesione, il Fisco potrà memorizzare i dati dei file delle fatture elettroniche rendendoli poi disponibili in consultazione esclusivamente al soggetto stesso che ha effettuato l’adesione.

In assenza invece di adesione da entrambe le parti, l’Agenzia delle entrate, dopo l’avvenuto recapito della fattura al destinatario, è tenuta alla cancellazione dei dati e dei file delle fatture elettroniche, memorizzando solo ed esclusivamente i dati fattura cheteranno resi disponibili in consultazione nell’area riservata del sito web dell’Agenzia delle entrate.

 

FATTURA ELETTRONICA, GLI ERRORI PIU’ COMUNI 

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>