Fattura elettronica, tutti gli errori più comuni

di Fabiana Commenta

È scattato dal 1 gennaio 2019 l’obbligo di introduzione della fatturazione elettronica per la quasi totalità delle operazioni B2B e B2C: professionisti e imprese devono necessariamente attenersi alle novità facendo anche i conti con qualche dettaglio ulteriore. 

spesometro , fatturazione elettronica , spessimetro, fatture e corrispettivi, tasse

Per la fattura elettronica è indispensabile prendere in considerazione la data di ricezione del documento, la data di presa visione del documento o magari far fronte ai possibili errori di recapito della fattura elettronica. Vediamo nel dettaglio. 

Uno degli errori più comuni, è l’errore di recapito della e-fattura. Il recapito da parte del Sistema di Interscambio (SdI) potrebbe essere impossibile per il ricevente a causa ad esempio di un valore errato riportato nel campo “CodiceDestinatario”: potrebbe risultare inesistente, o per cause tecniche (magati una casella PEC piena o non attiva) o perché il soggetto passivo IVA cessionario/committente non abbia comunicato il codice destinatario, operativamente la PEC attraverso cui intende ricevere la fattura elettronica dal SdI.

In casi del genere la fattura verrà in ogni caso emessa e messa a disposizione del cessionario/committente nella propria area riservata del sito web dell’Agenzia delle Entrate e al soggetto trasmittente (il cosiddetto cedente/prestatore). Il soggetto trasmittente potrà informare il cessionario/committente dell’avvenuta emissione della fattura elettronica, ma anche della sua messa a disposizione nell’area riservata delle Entrate. 

Occhio anche alle date: nella fatturazione elettronica la data di ricezione coincide con la data di presa visione. Ai fini fiscali, la fattura si considera ricevuta nel momento in cui il cessionario/committente prende visione della fattura sul sito web dell’Agenzia delle Entrate. La data di ricezione coincide invece con la data di messa a disposizione da parte del SdI nell’area riservata nel caso in cui  soggetto cessionario/committente sia il consumatore finale, il soggetto cessionario/committente sia un soggetto passivo che rientra nel cosiddetto “regime di vantaggio”, in pratica in imprenditore agricolo o un forfettario.

ERRORE NELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA, COME RIMEDIARE

photo credits| think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>