Fatture elettroniche, dal 1 luglio adesione al servizio consultazione e l’acquisizione  

di Fabiana Commenta

Al via dal 1 luglio 2019 è possibile aderire al servizio web dell’Agenzia delle Entrate per la consultazione e l’acquisizione delle proprie fatture elettroniche: sarà possibile poter esprimere la propria opzione entro e non oltre il 31 ottobre. Sono previste modalità differenti per le Partite IVA e i Codici Fiscali: per le Partite IVA la procedura è disponibile presso apposita sezione del portale generale Fatture e Corrispettivi, mentre nel caso dei Codici Fiscali è necessario visitare l’area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate. 

A partire dal 1 novembre il servizio sarà a regime per tutti mentre: per le Partite IVA il servizio parte dal giorno dopo l’adesione, per i consumatori finali dal primo novembre.

In sostanza l’adesione offre la possibilità di poter visionare le fatture elettroniche trasmesse da gennaio 2019. 

Aderendo al servizio dopo il 31 ottobre sarà invece possibile aderire al servizio, ma solo per poter consultare le fatture emesse successivamente all’esercizio dell’opzione e non quelle a partire dal 1 gennaio 2019. 

Entro fine 2019 l’Agenzia delle Entrate provvederà alla cancellazione di tutti i file relativi alle fatture di coloro che non hanno aderito al servizio.

Tutti i contribuenti che hanno Partita IVA, con l’adesione al servizio potranno consultare e scaricare tutte le fatture emesse e ricevute: per aderire è sufficiente visitare il portale Fatture e Corrispettivi inserendo le proprie credenziali per l’accesso (SPID, Fisconline o Entratel, CNS) e selezionare un’utenza di lavoro, poi effettuare l’adesione. L’operazione può essere anche eseguita attraverso un intermediario. 

I contribuenti senza partita IVA possono esprimere l’adesione accedendo alla stessa area riservata da cui consultano la propria dichiarazione precompilata, ma in questo caso non è possibile affidarsi a un intermediario. 

In questo caso di clicca sul pulsante “accedi” relativo alla fatturazione elettronica e si esprime l’adesione.

L’opzione è revocabile e il contribuente potrà recedere dopo aver aderito al servizio.  

 

FATTURA ELETTRONICA, GLI ERRORI PIU’ COMUNI 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>