I manager più ricercati nel 2010

di Giuseppe Aymerich Commenta

Nei mesi più acuti della grande crisi, le imprese hanno cercato di stringere i denti e barricarsi, tagliando i costi e rallentando i progetti..

Nei mesi più acuti della grande crisi, le imprese hanno cercato di stringere i denti e barricarsi, tagliando i costi e rallentando i progetti. Ora che si ricomincia a respirare e a guardare al futuro, invece, riprende quota la ricerca di figure manageriali dotati di competenze multidisciplinari, esperienza e visione d’insieme.


L’agenzia per il lavoro Michael Page ha recentemente diffuso i risultati di un’indagine da lei condotta, che ha messo in luce alcuni profili manageriali particolari e destinati ad essere ricercati strenuamente nel prossimo futuro.

Una di queste figure sarà il chief financial officer: una sorta di “ministro delle Finanze” della società, che sovrintenderà all’intero sistema di gestione delle fonti e degli impieghi di capitale. Egli non dovrà solo valutare a consuntivo i dati provenienti dai settori dell’amministrazione e della contabilità, ma anche possedere una visione prospettica dell’azienda e dei suoi sottoinsiemi, per vedere, ad esempio, quali aree finanziare più massicciamente di altre, e a quali specifiche fonti rivolgersi per coprire il fabbisogno.

Un altro manager prezioso sarà il controller: colui che è destinato a verificare, controllare, valutare a posteriori i singoli processi e attività aziendali, per individuare i miglioramenti da apportare, i costi da tagliare, le inefficienze da correggere.


Da non scordare, poi, il credit manager: il suo ruolo è quello di gestire il pacchetto dei clienti per individuare coloro per i quali è preferibile non concedere dilazioni o rateazioni di pagamento e quelli invece più affidabili, e nei confronti di questi ultimi identificare le soluzioni più adeguate e meno onerose. Poi, ovviamente, si tratterà di gestire nel concreto le singole situazioni e, all’occorrenza, apportare gli opportuni cambiamenti di rotta nelle situazioni in essere che lo dovessero richiedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>