Tasse, la stangata di giugno per famiglie e imprese

di Emma Commenta

Saranno oltre  53,3 miliardi di euro di tasse quanto gli italiani dovranno versare nel corso del mese di giugno: questo è quando calcola l’Ufficio studi della Cgia ricordando che tra gli introiti previsti ci sono le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori, la Tasi/Imu, l’Iva, l’Ires, l’Irpef riconducibile alle partite Iva, l’Irap, la Tari, ma anche altre diverse imposte minori che famiglie, imprese e lavoratori autonomi dovranno versare da qui alla fine di giugno.

tasse, scadenze fiscali febbraio 2017

La vera e propria stangata probabilmente spetterà però alle imprese visto che il  pagamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori verseranno all’erario sarà pari a 11,4 miliardi di euro. 

A sottolineare la necessità di semplificare il sistema tributario è il il coordinatore dell’Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo.

Oltre ad avere un carico tributario e contributivo tra i più elevati d’Europa in Italia è estremamente difficile anche pagare le tasse. La complessità e la farraginosità del nostro sistema tributario spesso mette in seria difficoltà perfino gli addetti ai lavori, come i commercialisti, le associazioni di categoria o i Caf. Figuriamoci gli imprenditori, in particolar modo quelli di piccola dimensione, che nelle prossime settimane saranno costretti a recuperare le risorse economiche per onorare questo impegno in una fase molto delicata in cui le banche continuano a concedere il credito con il contagocce.

Per il Segretario della CGIA Renato Mason diventa anche indispensabile  abbassare le tasse.

L’Amministrazione finanziaria potrebbe lavorare meglio ed essere più efficace. La selva di leggi, decreti e circolari esplicative presenti nel nostro ordinamento tributario, invece, complica la vita a tutti, relegandoci tra il gruppo di paesi meno attrattivi per gli investitori stranieri anche per questo motivo. 

TASSE, LE SCADENZE FISCALI DEL MESE

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>