Bonus bus e metro, come funziona la detrazione

di Fabiana Commenta

Annunciato qualche tempo fa, sta per arrivare il bonus bus e metro che consente di poter detrarre le spese per l’abbonamento a metropolitana e trasporto pubblico locale, regionale e interregionale dalla dichiarazione dei redditi 2019. 

La conferma arriva dal profilo Twitter dell’Agenzia delle Entrate che conferma che la legge di Bilancio 2018 ha introdotto una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti sui servizi di trasporto pubblici, regionali e interregionali e, e per un costo costo annuo massimo di 250 euro. 

Ma come funziona l’agevolazione? L’Agenzia ricorda che si prevede l’esenzione solo per le spese sostenute direttamente dal contribuente e volte all’acquisto di un abbonamento del trasporto pubblico, ma anche per le spese affrontate per conto dei familiari fiscalmente a carico. Presentare le detrazioni relative all’acquisto dell’abbonamento da parte dei cittadini e dei familiari a carico dovranno però essere conservati sempre il titolo di viaggio e la documentazione relativa al pagamento effettuato: solo la documentazione apposita consentirà di poter usufruire della reale detrazione. 

L’Agenzia inoltre ricorda che “non concorrono a formare reddito di lavoro le somme erogate o rimborsate ai dipendenti dal datore di lavoro o le spese sostenute direttamente da quest’ultimo per l’acquisto degli abbonamenti per il trasporto pubblico del dipendente e dei suoi familiari”. 

La novità maggiore del bonus bus e metro consiste in effetti nella possibilità, da parte dei contribuenti, di poter usufruire anche delle detrazioni per i familiari a carico.  

La detrazione prenderà in considerazione le spese che sono state effettuate a partire dal 1 gennaio 2018 per tutti gli acquisti di abbonamenti al Tpl, al trasporto pubblico locale, regionale e interregionale. Con una cifra massima che può essere spesa pari a 250 euro si ha la possibilità di poter detrarre dalla dichiarazione del redditi il 19% pari quindi a 47,50 euro. 

LEGGE DI BILANCIO, LE NOVITA’

PHOTO CREDITS | TWITTER

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>