Boeri-Salvini, è polemica sull’immigrazione

di Emma Commenta

Il nostro Paese ha bisogno di aumentare l’immigrazione regolare. Sono tanti i lavori che gli italiani non vogliono più svolgere. 

inps, naspi 2017

Queste le parole del presidente dell’Inps, Tito Boeri, nella Relazione annuale che hanno scatenato la reazione immediata del Ministro dell’Interno Matteo Salvini. 

Servono più immigrati per pagare le pensioni… cancellare la legge Fornero costa troppo… servono più immigrati per fare i tanti lavori che gli italiani non vogliono più fare…’. Il presidente dell’Inps continua a fare politica, ignorando la voglia di lavorare (e di fare figli) di tantissimi italiani. Dove vive, su Marte?

È stata la replica di Salvini alle parole di Boeri che punta l’attenzione sulla storia che “insegna che quando si pongono forti restrizioni all’immigrazione regolare, aumenta l’immigrazione clandestina e viceversa: in genere, a fronte di una riduzione del 10% dell’immigrazione regolare, quella illegale aumenta dal 3 al 5%”.

Secondo Boeri gli italiani sono vittime di disinformazione e sottostiamo la “quota di popolazione sopra i 65 anni” sovrastimando “quella di immigrati e di persone con meno di 14 anni”.

Il nostro sistema pensionistico è in grado di reggere alla sfida della longevità, almeno sin quando si manterrà l’adeguamento automatico dell’età pensionabile alla speranza di vita e la revisione dei coefficienti di trasformazione. Ma non ha al suo interno meccanismi correttivi che gli permettano di compensare un calo delle coorti in ingresso nel nostro mercato del lavoro”

Spiega Boeri. Dati alla mano, il presidente dell’Inps spiega che “ripristinando le pensioni di anzianità con quota 100 (o 41 anni di contributi) si avrebbero subito circa 750.000 pensionati in più. 

La storia recente dei giovani nel nostro Paese è una storia di inesorabili revisioni al ribasso delle loro aspettative. Fra queste delusioni anche quella di ritrovarsi sempre, quale che sia l’esito del voto, con governi che propongono interventi a favore dei pensionati.

Dice Boeri.

Non so se andremo d’accordo su tutto ma sul tema delle pensioni d’oro e dei vitalizi lavoreremo bene.

Ha commentato il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ma la chiusura della discussione spetta a Boeri.

Noi facciamo un’attività di supporto, applichiamo la legge ma nel momento in cui vengono discusse delle questioni di rilevanza per il nostro istituto e per i giovani chiaramente diciamo la nostra. 

Fermo restando che poi sono pronti ad applicare la legge.

 

PENSIONI 2019-2020, GLI SCATTI PREVISTI 

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>