Zone sismiche, come chiedere il rimborso del canone Rai

di Fabiana Commenta

Al via le richieste di rimborso del canone Rai: possono chiedere il rimborso, tutti i contribuenti residenti nei territori dei Comuni delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria che siano stati colpiti dagli eventi sismici che si sono verificati a partire dal 24 agosto 2016.

canone rai, richiesta di esonero

La direttiva arriva dal provvedimento direttoriale (Protocollo n. 181035/2018) come specificato dall’Agenzia delle Entrate che chiarisce anche le modalità di presentazione delle istanze di rimborso delle somme versate per il canone RAI nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 29 maggio 2018.

Il D.L. n. 55/2018 prevede che per questi territori venga applicata la sospensione del versamento del canone TV: adesso l’Agenzia delle Entrate ricorda che i soggetti che hanno pagato il canone TV con addebito nelle fatture per la fornitura di energia elettrica hanno diritto a presentare l’istanza compilando e presentando il modello che viene già utilizzato normalmente per i rimborsi relativi a questa modalità di addebito.

Chi abbia pagato il canone TV con modalità diverse o abbia pagato il canone di abbonamento speciale avrà lo stesso modo di effettuare la richiesta di rimborso in carta semplice che dovrà essere presentata insieme a una copia di un valido documento di riconoscimento tramite servizio postale.

La richiesta in tal caso dovrà contenere tutti i dati anagrafici del richiedente (o del defunto, se la richiesta viene presentata dall’erede), tutti i dati effettuati del pagamento, l’importo chiesto a rimborso, il motivo della richiesta di rimborso con la specifica seguente causale: “Rimborso previsto dall’art. 1, comma 5, del D.L. 29/05/2018, n. 55” da inserire per poter ottenere il rimborso previsto dalla legge.

 

CANONE RAI, RICHIESTA DI ESENZIONE PER OVER 75

 

Rispondi