Home » Ravvedimento breve, la scadenza al 17 luglio 2019 

Ravvedimento breve, la scadenza al 17 luglio 2019 

Spread the love

àˆ fissata al 17 luglio 2019 la regolarizzazione dei versamenti di imposte e ritenute non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 17 giugno 2019: in pratica i contribuenti potranno usufruire dei benefici del ravvedimento breve tramite una maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo. 

spesometro , fatturazione elettronica , spessimetro, fatture e corrispettivi, tasse

Sono interessati al ravvedimento breve tutti i contribuenti che sono tenuti al versamento unitario di imposte e contributi.

Modalità  di pagamento

Il versamento va effettuato tramite Modello F24 con modalità  telematiche, direttamente: possono essere utilizzati i servici “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, i canali telematici Fisconline o Entratel, l’home banking del proprio istituto di credito. 

In alternativa èpossibile ricorrere anche a un intermediario abilitato. 

I non titolari di partita IVA potranno effettuare il versamento con modello F24 cartaceo presso Banche, Poste Italiane e agenti della riscossione purchè non utilizzino crediti tributari o contributivi in compensazione. Potranno anche pagare F24 precompilati dall’ente impositore N.B. I sostituti d’imposta cumulano gli interessi dovuti al tributo

Ecco i Codici Tributo da utilizzare: 

  • 1989 – Interessi sul ravvedimento – Irpef
  • 1990 – Interessi sul ravvedimento – Ires
  • 1991 – Interessi sul ravvedimento – Iva
  • 1993 – Interessi sul ravvedimento – Irap
  • 1994 – Interessi sul ravvedimento – Addizionale regionale
  • 1998 – Interessi sul ravvedimento – Addizionale Comunale all’Irpef – Autotassazione – art. 13 del D.lgs. N. 472 del 18/12/1997
  • 4061 – Imposta sulle transazioni di azioni e di altri strumenti partecipativi – art. 1, c. 491, l.n. 228/2012 – SANZIONE
  • 4062 – Imposta sulle transazioni di azioni e di altri strumenti partecipativi – art. 1, c. 491, l.n. 228/2012 – INTERESSI
  • 4063 – Imposta sulle transazioni relative a derivati su equity – art. 1, c. 492, l. n. 228/2012 – SANZIONE
  • 4064 – Imposta sulle transazioni relative a derivati su equity – art. 1, c. 492, l. n. 228/2012 – INTERESSI
  • 4065 – Imposta sulle negoziazioni ad alta frequenza relative ad azioni e strumenti partecipativi – art. 1, c. 495, l. n. 228/2012 – SANZIONE
  • 4066 – Imposta sulle negoziazioni ad alta frequenza relative ad azioni e strumenti partecipativi – art. 1, c. 495, l. n. 228/2012 – INTERESSI
  • 8901 – Sanzione pecuniaria Irpef
  • 8902 – Sanzione pecuniaria addizionale regionale Irpef
  • 8904 – Sanzione pecuniaria Iva
  • 8906 – Sanzione pecuniaria sostituti d’imposta
  • 8907 – Sanzione pecuniaria Irap
  • 8918 – Ires – Sanzione pecuniaria
  • 8926 – Sanzione pecuniaria addizionale comunale Irpef

RAVVEDIMENTO SPRINT, COME FUNZIONA

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK