Home » Città  pi๠tassate d’Italia, ecco la classifica

Città  pi๠tassate d’Italia, ecco la classifica

Spread the love

Quali sono le città  pi๠tassate d’Italia? Prime in classifica sono Roma, Torino, Napoli, Genova, Bologna, Ancona e Campobasso: sono alcune delle città  con le aliquote fiscali pi๠alte relative a Irap, Irpef, Imu e Tasi seguite da Firenze, Palermo, Perugia, Bari, Potenza, Trieste e Catanzaro.

tasse, roma, turismo, tasse,

Leggermente distaccate, Milano, Cagliari, L’Aquila, Aosta, Trento e Bolzano, mentre èVenezia, l’unica città  che non risulta mai tra quelle con aliquote elevate. 

Questo èquanto emerge dalla ‘Mappa del fisco locale in Italia‘ realizzata dal Centro studi di Unimpresa che ha preso in considerazione le aliquote Iperf (definite dalle regioni), il totale delle addizionali Irpef (regioni e comuni), l’Imu e la Tasi.

La classifica in questione èstata poi realizzata attraverso i “punti” attribuiti alle città  e alle relative regioni che applicano aliquote piuttosto elevate nei quattro principali tributi pagati anche su base territoriale.

Ecco la classifica con qualche dettaglio in pià¹.

IMU E TASI, UN GETTITO DA 10 MILIARDI DI EURO

Roma:

si paga il 4,82% di Irap, il 4,23% di addizionali Irpef, l’1,06% di Imu;

Torino:

si paga il 4,13% di addizionali Irpef, l’1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi; a Napoli si paga il 4,97% di Irap, l’1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi;

Genova e Bologna:

si paga il 3,13% di addizionali Irpef, l’1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi;

Ancona: si paga il 4,73% di Irap, l’1,06% di Imu e lo 0,33% di Tasi;

Campobasso: si paga il 4,97% di Irap, il 3,43% di addizionali Irpef, l’1,06% di Imu.

Ci sono troppe differenze a livello territoriale per quanto riguarda il prelievo fiscale e si tratta di differenze che non aiutano la ripresa cosଠcome gli investimenti delle imprese. Serve un ragionamento complessivo, che il governo dovrà  fare quando, auspichiamo al pi๠presto, vorrà  lavorare a una serie riforma tributaria che deve essere organica.

Spiega il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci, commentando i dati della ricerca.

Venezia èl’unica città  dove il prelievo èsempre sotto le soglie pi๠alte mentre l’aliquota pi๠alta dell’Irap pari al 4,97%, si trova a Napoli (Campania) e Campobasso (Molise).

L’aliquota pi๠alta dell’Irpef, la somma delle addizionali comunali e regionali si segnala a Roma con il 4,23% e per quanto riguarda l’Imu, l’aliquota massima (1,06%) èapplicata in 16 grandi città  su 21 esaminate nel rapporto vale a dire Roma, Torino, Napoli, Genova, Bologna, Potenza, Campobasso, Firenze, Palermo, Perugia, Bari, Trieste, Ancona, Catanzaro, Milano e Aosta.

 

PHOTO CREDITS | THINSTOCK