Ecotassa, ecco come cambia

di Emma Commenta

Cambia ancora la nuova eco-tassa sui veicoli inquinanti, e cambiano gli eco-incentivi per auto a bassa emissione, elettriche e ibride. 

L’emendamento depositato in commissione bilancio del Senato prevede fino a 6.000 euro per chi acquista un’auto ecologica, ma con la rotazione di un vecchio veicolo e un malus che può arrivare fino a 2.500 euro per chi acquista un’auto inquinante. 

scheda carburante, rimborso carburante, suv, auto, superbollo, multa,

Il malus verrà addebitato come imposta calcolata in base  al numero di grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro eccedenti la soglia di 160co2 g/km e verrà imposta anche a chi immatricola in Italia un veicolo di categoria M1 già immatricolato in altro Stato.

Il bonus sarà invece erogato sotto forma di contributo per chi acquista e immatricola in Italia un veicolo M1 nuovo di fabbrica, ma che dovrà avere un prezzo (da listino della casa automobilistica produttrice) inferiore a 45.000 euro iva esclusa.

Gli incentivi e l’ecotassa entreranno in vigore dal primo marzo 2019 e saranno validi fino al 31 dicembre 2021. Spazio anche al bonus per l’acquisto dei motorini elettrici o ibridi, fino a un massimo di 3.000 euro per chi rottama un vecchio mezzo con un contributo pari al 30% del prezzo di acquisto del mezzo stesso.

L’accordo era stato trovato ieri nel corso di un vertice di maggioranza sulla manovra: dopo le modiche arriva quindi la tassazione dei soli Suv e delle auto extra lusso con le esclusioni delle auto di piccola cilindrata. 

Non ci sarà nessun tassa sulle nuove auto. Non c’è nel contratto di governo. 

Aveva assicurato il vicepremier Matteo Salvini. 

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>