neet, giovani, lavoro, I giovani non siano selettivi nella scelta del lavoro

Il mercato del lavoro italiano èuno dei pi๠contraddittori e inefficienti in Europa

Il quadro economico complessivo dell’Italia, a confronto con molti altri paesi europei, èmeno entusiasmante e pi๠contraddittorio.  A pesare sono soprattutto le sproporzioni del mercato del lavoro, il quale, a conti fatti, nonostante i dati Ocse e Eurostat produce una situazione ai limiti del paradossale. Ecco infatti quali sono le principali contraddizioni del sistema italiano. 

Effetti dell’abuso di lavoro e rischio depressione

Effetti dell'abuso di lavoro e rischio depressione

La nostra rassegna delle patologie cosiddette d’ufficio, ovverosia di tutti quei disturbi e di quelle vere e proprie malattie in grado di colpire soprattutto coloro i quali lavorerebbero esclusivamente in ufficio, continua con la descrizione dello stress da straordinari che, come sarebbe oltre modo facile intuire, colpirebbe coloro i quali effettuerebbero, nell’arco della settimana, cosଠcome della giornata, eccessivi straordinari.

Aumentare la produttività  nelle PMI italiane

Aumentare la produttività  nelle PMI italiane

La sentita discussione inerente la possibilità , prevista dalla cosiddetta manovra finanziaria di Ferragosto, varata ad agosto 2011 dall’allora Governo Berlusconi IV, di sopprimere le festività  allo scopo di ridurre il costo del lavoro contemporaneamente cercando di aumentare il margine operativo lordo delle piccole e medie imprese italiane (stando alle dichiarazioni, sul delicato argomento, rilasciate negli scorsi giorni dal sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze Gianfranco Polillo) ci avrebbe fatto sorgere il dubbio, cosଠcome, ne siamo sicuri, a moltissimi altri commentatori, che il vero problema italiano non sia già  quello delle scarse ore di lavoro settimanali accumulate dagli italiani a causa delle pi๠differenti festività  bensଠquello, decisamente pi๠importante, della qualità  del lavoro e della produttività  delle PMI italiane che, costantemente, dovrebbe cercare di migliorare pur riuscendo, ove possibile, ad abbattere il pi๠possibile i costi di produzione.

Detassazione dei premi di produttività  per il 2011

Nel 2008 furono introdotti per la prima volta degli incentivi fiscali per il lavoro straordinario e per i premi di produttività  riconosciuti ai lavoratori dipendenti. Per i due anni successivi la misura èstata confermata, ma con qualche modifica (fra l’altro, èscomparso il riferimento al lavoro straordinario).
Con il DL 78/2010, infine, èstato decisa l’applicazione della misura anche per il periodo d’imposta 2011, ma con alcune modifiche normative.

Premi di produttività  per i dipendenti pubblici

Fra gli effetti pi๠noti della riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione, vi èl’introduzione di un sistema retributivo largamente influenzato dalla meritocrazia.

I premi di produttività  saranno attribuiti in busta-paga, in soluzione unica, ogni anno. I dettagli della tempistica saranno stabiliti dalle singole amministrazioni, ma nel complesso nei primi mesi dell’anno successivo i pi๠meritevoli dovrebbero ricevere la propria quota di premio insieme al normale stipendio.

Nel febbraio o marzo 2011, dunque, dovremmo avere l’erogazione dei premi riferiti al 2010, che sarà  il primo anno soggetto a valutazione.