Resto al Sud, esteso anche agli under 46 e liberi professionisti

Come annunciato da qualche mese a questa parte, subentrano nuove modifiche nell’ambito dell’iniziativa di Resto al Sud, il progetto volto all’erogazione di contributi statali per favorire la nascita di nuove attività  imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.

La Legge di Bilancio 2019 conferma che èstata ampliata la platea dei beneficiari: potranno infatti usufruire dell’agevolazione non solo gli under 36, ma anche gli under 46 e i liberi professionisti.

euro, soldi, bonus imperf

Irpef, pagano di pi๠liberi professionisti e partite Iva

Liberi professionisti e partite Iva: sono loro a versare pi๠Irpef rispetto a dipendenti e pensionati come conferma l’elaborazione dell’Ufficio Studi della Cgia di Mestre sull’imposta pagata dai contribuenti italiani allo Stato italiano.

euro, soldi, bonus imperf

. L’Irpef, imposta versata solo dalle persone fisiche, ha fornito allo Stato la bellezza di 155 miliardi nel 2016 con un’incidenza pari al 33% sul gettito totale delle imposte versate. 

Sospensione dall’albo per il professionista evasore

Se un negozio, un esercizio commerciale per intenderci, non emette gli scontrini a fronte della cessione/vendita dei beni alla clientela, rischia nei casi pi๠gravi la chiusura. La stessa cosa, con l’entrata in vigore del Decreto Legge numero 138 del 2011, potrà  ora accadere anche ad un libero professionista iscritto all’Albo.

A suo carico, in caso di evasione, infatti, puಠscattare la sospensione dall’Albo al quale èiscritto per un periodo minimo di tre giorni e massimo un mese. Il provvedimento introduce chiaramente una stretta contro l’evasione fiscale che, a detta di molti, èconcentrata in Italia proprio nel settore del commercio e delle libere professioni, ovverosia quei contribuenti che pagano in funzione di quello che dichiarano a differenza invece dei lavoratori dipendenti che sono oggetto delle ritenute alla fonte.