Studi di settore 2009, i risultati

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato i risultati statistici che sono risultati dagli studi di settore presentati nel 2009 (e riferiti al periodo d’imposta 2008).
Due sono i fattori che hanno inciso su questi risultati: l’avvento della crisi globale, che ha iniziato ad interessare le imprese italiane proprio negli ultimi mesi del 2008, e la nascita del regime contabile dei contribuenti minimi, in vigore dal primo gennaio di quell’anno.

Studi di settore 2010: come comportarsi

In questi giorni, i contribuenti italiani tenuti a sottoporsi alle forche caudine degli studi di settore si stanno confrontando con i calcoli elaborati dal software Gerico.
“Il Sole 24 Ore” suggerisce il percorso logico che devono seguire i contribuenti nel confrontarsi con lo spauracchio degli studi di settore.

Innanzitutto, va ricordato come siano stati elaborati dettagliati e notevoli correttivi che tengono conto della crisi che ha investito nel 2009 pressochè ogni ambito economico: per questo motivo, anche risultati reddituali che una volta avrebbero portato a risultati di incongruità , nel 2010 possono consentire ai contribuenti di mettersi al riparo.

Studi di settore, duecentomila avvertimenti per i contribuenti

Anche quest’anno, come nei due precedenti, si rinnova l’appuntamento con quella che èormai divenuta una tradizione primaverile consolidata dell’Agenzia delle Entrate: gli avvertimenti ad una certa fascia di contribuenti.

Si tratta delle società , degli imprenditori individuali e dei liberi professionisti che negli anni precedenti hanno presentato anomalie e stranezze contabili di varia natura rilevate dal software Gerico analizzando i dati comunicati nel modello degli studi di settore.

Studi di settore 2010: le linee-guida

Intorno al 10 maggio dovrebbe finalmente essere pubblicata la versione 2010 del software Gerico, il famigerato programma che elabora i dati comunicati dai contribuenti sottoposti agli studi di settore e determinano la loro posizione di congruità  o incongruità .

Come ogni anno, la tensione del popolo delle partite IVA èpalpabile, poichè si sa che il peso di Gerico èdeterminante per individuare chi sarà  sottoposto a controlli fiscali negli anni a venire; e questi timori sono fondati, sebbene, in seguito alle famose sentenze della Cassazione del dicembre scorso, l’Agenzia delle Entrate abbia stabilito di attribuire agli studi un peso pi๠modesto in fase di accertamento.