Rottamazione delle cartelle, come pagare entro il 31 luglio

di Fabiana Commenta

È fissata per lunedì 31 luglio la prima scadenza per il versamento delle rate per chi ha aderito alla rottamazione delle cartelle con la ex Equitalia diventata adesso Agenzia della Riscossione. Entro lunedì dovrà essere versata la prima rata del piano confermato o la rata unica, pena l’annullamento dei benefici ottenuti tramite l’agevolazione. Ma come pagare? Vediamo tutti i diversi canali.

Sportelli bancari: si deve pagare tramite il bollettino RAV ricevuto dall’Agente della riscossione: si può richiedere l’addebito sul conto corrente o pagare con carta di credito o prepagata, bancomat e anche in contanti per importi sotto i 3 mila euro.

Internet banking: è necessario collegarsi al sito della propria banca utilizzando il servizio per il pagamento dei RAV, inserire il numero del bollettino RAV e l’importo da pagare. Il numero di RAV è sufficiente per identificare il pagamento e il contribuente non è tenuto a inserire la causale del pagamento.

Domiciliazione bancaria: si può richiedere l’addebito diretto degli importi contenuti nei bollettini RAV sul proprio conto corrente completando il modulo allegato alla comunicazione delle somme dovute, inviata dall’Agente della riscossione, e presentarlo in banca presso la propria filiale. Per aderire al servizio di addebito diretto su conto corrente si deve effettuare il mandato, nel rispetto delle procedure e degli adempimenti previsti dal sistema Interbancario, ma presentata prima della scadenza della rata.

Sportelli bancomat (ATM): si può pagare i bollettini della definizione agevolata tramite gli sportelli ATM abilitati, utilizzando la propria tessera bancomat e accedendo al servizio per il pagamento dei RAV.

Uffici postali: si può pagare tramite bollettino RAV ricevuto dall’Agente della riscossione. Si può richiedere l’addebito sul proprio conto se è cliente Banco Posta e pagare con le carte BancoPosta e anche in contanti per importi sotto i 3 mila euro.

Tabaccai convenzionati con Banca 5 SpA, punti vendita Sisal e Lottomatica: si può pagare con il bollettino RAV ricevuto e il rivenditore provvederà a effettuare il pagamento pagando in contanti (fino a mille euro), con il bancomat o con la carta di credito (fino a 5 mila euro dai tabaccai e fino a 1.500 euro nei punti Sisal e Lottomatica).

Sito internet www.agenziaentrateriscossione.gov.it e App Equiclick: si può pagare il bollettino RAV collegandosi alla sezione pagamenti, inserendo il proprio codice fiscale, il codice RAV riportato nel bollettino e l’importo e scegliere fra gli operatori diversi.

Sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione: non è necessario presentare il bollettino RAV ricevuto dall’Agente della riscossione, ma si può richiedere di pagare indicando anche solo il proprio codice fiscale e saldare attraverso carta di credito o prepagata, bancomat e con titoli di credito, quali assegni circolari, assegni postali vidimati, vaglia cambiari emessi dalla Banca d’Italia e assegni di conto corrente bancario e postale, nel limite di 20 mila euro, intestati all’ordine dell’Agenzia delle entrate-Riscossione. Si può anche pagare anche in contanti per importi sotto i 3 mila euro, nel rispetto della normativa antiriciclaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>