Compilazione assistita, al via dal 10 maggio 

di Fabiana Commenta

Al via dal 10 maggio 2019 la possibilità di poter compilare in modo “assistito” tutto il quadro E del 730 precompilato: si tratta di un incremento rispetto allo scorso anno visto che nel 2018 era stato possibile poter compilare solo era possibile compilare in modo assistito solo le sezioni I e II del quadro E. 

certificazione unica,, modelli 2018, rimborso irpef, tasse, modello 730/2017, spese sanitarie 2017

A spiegare la proceduta è l’Agenzia delle Entrate che informa come aggiungere un onere detraibile o deducibile che non rientra tra quelli precompilati o modificare l’importo di una spesa che non corrisponde a quella da te sostenuta. La modifica consente anche di poter scegliere una modalità di compilazione guidata e semplificata che, partendo dalle spese presenti nel foglio informativo, consente di inserire nuovi documenti di spesa oppure modificare, integrare o cancellare i dati delle spese già precompilate. 

A quel punto poi sarà necessario solo confermare le modifiche effettuate e sarà la stessa applicazione web a ricalcolare gli oneri detraibili o deducibili inserendo l’importo totale negli appositi campi del quadro E del 730.

La compilazione assistista può essere utilizzata anche per le spese sostenute per i familiari a carico, ma si può anche decidere di tornare alla compilazione ”tradizionale” inserendo o rettificando gli importi degli oneri sostenuti direttamente nel quadro E.

Per utilizzare la compilazione assistita è necessario: 

accedere alla sezione “Modifica il 730 e invia”

selezionare dal menù “Quadro E – Compilazione assistita”

Visualizzare i dati degli oneri comunicati all’Agenzia delle Entrate

per ogni spesa è possibile: modificare una voce di spesa precompilata; escludere o includere una voce di spesa precompilata; aggiungere una nuova spesa e aggiungere una nuova voce; cancellare una voce di spesa.

Per aggiungere una nuova voce di spesa che rientra tra gli oneri detraibili o deducibili è necessario selezionare “Aggiungi una nuova spesa” e per confermare i dati che vengono inseriti o modificati sempre necessario selezionare “Salva”. Il pulsante si attiva solo dopo aver spuntato la casella “Confermo di aver preso visione di tutte le voci di tutte le sezioni”. 

Il salvataggio dei dati comporterà il ricalcolo dei totali.

È anche possibile visualizzare le spese relative ai tuoi familiari a carico selezionando il loro codice fiscale dal menù a tendina “Dichiarante e familiari”: per confermare i dati che inserisci o modifichi per il tuo familiare a carico, è necessario tornare sulla pagina del dichiarante selezionando il proprio codice fiscale e selezionando il tasto “salva”.

Nel passaggio dalla modalità di compilazione assistita alla modalità di compilazione ordinaria, e viceversa, i dati inseriti o modificati non saranno conservati e saranno ripristinati i dati precompilati

Non appena sono stati confermati i dati inseriti o modificati, l’applicazione web ricalcola gli oneri detraibili o deducibili tenendo conto dei dati aggiunti o rettificati e di eventuali limiti previsti dalla legge e li inserisce negli appositi campi del quadro E del 730.

Per poter verificare l’inserimento degli oneri nel quadro E è necessario selezionare dal menù “Stampa e invia”: da qui sarà possibile visualizzare ed eventualmente stampare il tuo 730, come ultimo controllo, prima di procedere all’invio all’Agenzia delle Entrate.

Il contribuente che non intende avvalersi della modalità di compilazione assistita, potrà continuare a utilizzare la modalità “tradizionale” cioè inserire o rettificare direttamente gli importi degli oneri sostenuti riportandoli nei relativi campi del quadro E.

730/2019, L’INVIO DAL 2 MAGGIO 

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>