INPS, scattano gli accertamenti dell’esistenza in vita

di Fabiana Commenta

Sono scattate dallo scorso anno una serie di novità relative alle modalità di accertamento dell’esistenza in vita per il 2017 che resta la verifica indispensabile per il pagamento delle prestazioni INPS a beneficiari residenti all’estero.

ape, inps, pensioni, cessione del quinto

Nel messaggio dello scorso anno veniva anche previsto il frazionamento, vale a dire la divisione per aree geografiche di residenza e pagamento dei pensionati interessati. Adesso arrivano ulteriori novità: L’INPS, con il messaggio 2 novembre 2018, n. 4077, l’INPS fornisce non sono l’invio della prova dell’esistenza in vita, ma rende noto anche che è in arrivo una lettera esplicativa e il modulo standard di attestazione che viene inviato al pensionato da Citibank. All’interno dello stesso messaggio l’INPS chiarisce che sono sono disponibili anche gli allegati necessari per i pensionati residenti in Paesi compresi nella prima fase dell’anno 2018.

Nella lettera inviata si specifica che la restituzione del modulo di attestazione dell’esistenza in vita dovrà avvenire entro e non oltre 12 febbraio 2019: se l’accertamento non sia stato completato entro questo termine, il pagamento della rata di marzo 2019 verrà localizzato Slo presso gli sportelli Western Union per la riscossione in contanti, che costituirà la prova reale dell’esistenza in vita.

Tutti i pensionati residenti in Australia, in Canada, nel Regno Unito e negli Stati Uniti, ricevono da Citibank una lista di operatori dei Patronati che sono autorizzati ad accedere al portale come previsto dalla stessa Citibank che offre la possibilità di poter attestare telematicamente l’esistenza in vita. È anche attivo il Servizio Clienti della Banca che offre il suo supporto a pensionati, operatori di Consolati, delegati e procuratori e che offre assistenza sulla procedura di attestazione dell’esistenza in vita con diverse modalità.

È possibile visitare la pagina web dedicata, è possibile inviare un messaggio di posta elettronica all’indirizzo [email protected], è possibile telefonare ad uno dei numeri telefonici che sono indicati nella lettera esplicativa.

PENSIONI ALL’ESTERO, COME SI SVOLGONO I CONTROLLI

photo credits | think stock

Rispondi