Aziende, la classifica della migliore reputazione al mondo

di Emma Commenta

Vi siete mai chiesti che quali sono le imprese e le aziende a livello mondiale che godono nella migliore reputazione al mondo?

La classifica è stata stilata da Reputation Institute che ha preso in considerazione diversi parametri, come i servizi, l’innovazione, l’ambiente di lavoro, la responsabilità sociale e ambientale, la leadership e le performance di aziende di 15 diversi paesi (Stati Uniti, Giappone, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Italia, Messico, Russia, Corea del Sud, Spagna, Regno Unito). Ottimo risultato anche per l’Italia con la Ferrero di Giovanni Ferrero che si piazza al 18esimo posto, ma la prima nel settore food.

La prima in classifica a livello globale resta Rolex che conferma il suo primo posto, seguita da Lego, Google, Canon, The Walt Disney Company, Sony, Adidas, Bosch, BMW Group e Microsoft.

In classifica si sono anche altre eccellenza italiane, come Armani (al 22esimo posto), Pirelli (30esima posizione), Barilla (36esima posizione), Lavazza (49esima posizione). Nella top  50 non mancano altre aziende come Nintendo, Michelin, Nike, Levi Strauss, Rolls Royce, Netflix, Samsung, Toyota, Ikea, Lufthansa, Intel, Nestlè, Visa, Lg, Ralph Lauren, Lvmh, Apple (al 58esimo posto e in discesa), Fedex,  e sembra che sia soprattutto il settore tecnologico a farsi largo tra le aziende migliori a livello mondiale.

Acquistano buone posizioni anche le industrie del cibo e bevande, mentre sembrano registrare un forte calo le aziende del settore alberghiero (anche Hilton al 66esimo posto), trasporti e compagnie aeree, tra cui figurano la Airbus, Aifrance, Boeing ed Emirates al 60esimo posto e in discesa).

FORBES, JEFF BEZOS, L’UOMO PIU’ RICCO DEL MONDO

PHOTO CREDITS | INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>