Straordinari contratto metalmeccanici

di Fabrizio Martini Commenta

Il nuovo contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici ha previsto delle novità per quanto riguarda gli straordinari.

Il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici ha portato numerose novità. Le principali innovazioni solo legato agli orari di lavoro ed in particolare a quelle inerenti il lavoro straordinario. maggiorazioni legate al lavoro straordinario. I cosiddetti straordinari sono strettamente regolati dalla legge in materia di lavoro e dai CCNL in termini di orari, tempi e durata.

 

Non possono infatti essere superati certi limiti che corrispondono nello specifico a 2 ore giornaliere che poi diventano un massimo di 8 ore nell’arco di una intera settimana lavorativa.

Il nuovo contratto collettivo di lavoro nazionale per i metalmeccanici, il cosiddetto CCNL ha previsto delle percentuali di maggiorazione dello stipendio per il lavoro straordinario diverse da quelle precedentemente stabilite.

Nel dettaglio queste percentuali sono:

  • lavoro straordinario
    • prime due ore: 25% (lavoro non a turni); 25% (lavoro a turni)
    • ore successive: 30% (lavoro non a turni); 30% (lavoro a turni)

Per quanto riguarda il lavoro straordinario notturno:

  • notturno fino alle ore 22.00: 20% (lavoro non a turni); 20% (lavoro a turni)
  • notturno oltre le ore 22.00: 30% (lavoro non a turni); 20% (lavoro a turni)

Relativamente ai turni festivi, diurni e notturni:

  • festivo: 50% (lavoro non a turni); 50% (lavoro a turni)
  • festivo con riposo compensativo: 10% (lavoro non a turni); 10% (lavoro a turni)
  • straordinario festivo: 55% (lavoro non a turni); 55% (lavoro a turni)
  • straordinario festivo con riposo compensativo: 35% (lavoro non a turni); 35% (lavoro a turni)
  • straordinario notturno
    • prime due ore: 50% (lavoro non a turni); 40% (lavoro a turni)
    • ore successive: 50% (lavoro non a turni); 45% (lavoro a turni)
  • notturno festivo: 60% (lavoro non a turni); 60% (lavoro a turni)
  • notturno festivo con riposo compensativo: 35% (lavoro non a turni); 35% (lavoro a turni)
  • straordinario notturno festivo: 75% (lavoro non a turni); 65% (lavoro a turni)
  • straordinario notturno festivo con riposo compensativo: 55% (lavoro non a turni); 50% (lavoro a turni)

E’ stata prevista dal 1 giugno 2013 una maggiorazione attiva dal 1 giugno 2013 che corrisponde alla percentuale del 5% rispetto ai valori precedenti. L’incentivo sarò applicato nei turni notturni fino e oltre le ore 22.00 (20%), nei notturni festivi (55%) e nei notturni festivi con riposo compensativo (35%).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>