Di Maio, al via il bonus assunzioni con 300 milioni di euro di fondi

di Fabiana Commenta

Stiamo valutando il bonus e quantificando quanto sarà l’incentivo per chi assume a tempo indeterminato. Ci sono 300 milioni di euro l’anno”.

Il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, lancia il Bonus assunzioni nel corso della sua intervista di ieri sera nella trasmissione In Onda su La7. Il Ministro parla della disponibilità di 300 milioni di euro all’anno e di un incentivo destinato agli imprenditori che assumono: si prevede un aumento del 10% del costo del lavoro. 

Il bonus assunzioni dunque rientra fra le modalità e gli incentivi nella lotta contro il precariato del decreto dignità.

Il contratto a tempo indeterminato deve diventare normalità. È questo che vogliamo favorire. 

Dice di Maio a La 7 allettanti anche sulla “campagna di terrorismo psicologico” con cui viene accolto il decreto dignità: il ministro ha voluto sottolineare che le previsioni di 80mila licenziamenti “non stanno né in cielo né in terra. L’Italia è stato un paese che per tradizione tutelava i diritti dei lavoratori ora il contratto a tempo determinato sembra essere l’unico modo per assumere. Ora deve cambiare.

Ha concluso il Ministro spiegando anche che la “battaglia contro il decreto dignità la sta facendo Confindustria che ha dentro le grandi aziende di Stato non i piccoli imprenditori” senza dimenticare le aziende si Stato che assumono con “formule pirata”

Il Ministro è anche voluto intervenire anche sulla questione voucher. Dopo l’appello dei lavoratori del settore del turismo e dell’agricoltura, il Ministro spiega che il Governo sta valutando la reintroduzione dei voucher proprio nel turismo e nell’agricoltura, dove appaiono indispensabili anche se verranno reintrodotti in modalità che escludono ogni tipo di abuso.

 

DECRETO DIGNITA’ E LAVORO STAGIONALE, LE IMPRESE ATTACCANO

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>