Cassa integrazione quadruplicata nel 2009

di Giuseppe Aymerich Commenta

La procedura di integrazione dei salari richiede alcuni requisiti e passaggi preliminari, fra cui la presentazione di un’istanza all’INPS..

La procedura di integrazione dei salari richiede alcuni requisiti e passaggi preliminari, fra cui la presentazione di un’istanza all’INPS. Proprio l’INPS, dunque, è la fonte più affidabile per conoscere quanto le imprese italiane siano ricorse a questo strumento nel corso del 2009, in occasione della grande crisi.

È da notare come, alle tradizionali forme della cassa integrazione ordinaria e straordinaria si è aggiunta la cassa in deroga, ossia alcuni strumenti integrativi creati ad hoc per estendere la tutela a tante ipotesi per cui in precedenza non era prevista.


Questo spiega almeno parzialmente i dati diffusi dall’INPS: nel 2009 sono state autorizzate circa 918 milioni di ore di cassa integrazione, pari ad oltre quattro volte il dato del 2008 (che si attestava a 223 milioni), i cui ultimi mesi erano pure stati difficili per le nostre aziende. Ma, d’altronde, è proprio nell’anno appena trascorso che hanno avuto effetto le deroghe, consentendo l’accesso alla cassa integrazione a chi nel 2008 non vi poteva accedere.

Le istanze sono andate crescendo nel corso dei mesi. Fra novembre e dicembre vi è stata una sostanziale stabilizzazione verso l’alto, mentre non è ancora cominciata la discesa che presto o tardi dovrebbe riportare ai livelli pre-crisi. D’altronde, ogni provvedimento di cassa integrazione ha una durata definita e dunque nei prossimi mesi gran parte di essi arriverà a scadenza.


In alcune singole Regioni, comunque, la discesa pare aver iniziato il suo corso: Basilicata, Campania, Lazio e Piemonte, in cui le istanze del dicembre 2009 sono state inferiori rispetto a quelle del dicembre 2008.
L’INPS tiene però a sottolineare anche un altro dato, da leggersi come positivo: le ingenti risorse messe a disposizione per fronteggiare la crisi sono state tre volte superiori rispetto alle esigenze che effettivamente si sono manifestate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>