Autostrade, ecco le tratte con gli aumenti

di Emma Commenta

Non c’è stato per il momento alcun aumento dei pedaggi sull’88,75% della rete autostradale a partire dal 1 gennaio 2019: un blocco degli aumenti che viene fissato almeno fino al 30 giugno 2019 visto che  15 concessionarie su 26 hanno deciso di non procedere a rincari o di sospenderli come rendono noto i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Autostrade per l’Italia, che gestisce quasi il 50% delle rete autostradale italiana, ha per il momento bloccato gli aumenti in attesa di una soluzione e Strada dei Parchi, che gestisce il 4,80% della rete autostradale ha sospeso fino al 30 giugno i rincari del 5,59% in attesa di una soluzione da trovarsi con il Ministero e Anas. 

Ma su un 10% di tratti autostradali, viene confermato il tradizionale rincaro di inizio anno. 

Rincari confermati per il 10% delle tratte autostradali e nel dettaglio:

Autovia Padana che gestisce 105,5 chilometri (1,8% della rete autostradale) con +0,1%; 

Salt – Tronco AutoCisa, che gestisce 101 chilometri (1,72% della rete autostradale), con +1,86%; 

Autostrada dei Fiori – Tronco A10, che gestisce 113,3 chilometri (1,93% della rete) con +0,71%; 

Tangenziale di Napoli, che gestisce 20,2 chilometri (0,34% della rete) con +1,82%; 

Rav, che gestisce 32,4% chilometri (0,55% della rete) con +6,32% ma sospeso per tutto il 2019 ai residenti pendolari con telepass;

Sitaf (Barriera di Avigliana e Salbertrand), che gestisce 82,5 chilometri (1,41% della rete) con +6,71%;

Autostrada dei Fiori Tronco A6 To-Sv, che gestisce 130,9 chilometri (2,23% della rete) con +2,22%; 

Cav, che gestisce 74,1 chilometri (1,26% della rete) con +2,06%; 

Pedemonatana Lombarda, che gestisce 41,5 chilometri di rete autostradale), con +1,2%; 

Teem, che gestisce 33 chilometri di autostradale, con +2,2%, ma con sconti del 20% per tutto il 2019;

Bre.Be.Mi, che gestisce 62,1 chilometri con un aumento del +4,19%.

COME CALCOLARE I PEDAGGI AUTOSTRADALI

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>