Assicurazione per le casalinghe, le novità

di Fabiana Commenta

Novità in vista per l’assicurazione per le casalinghe che viene modificata in seguito all’approvazione delle Legge di Bilancio: in attesa dei decreti attuativi che dovrebbero arrivare a giugno, sono ufficiali i cambiamento di alcuni parametri relativi all’assicurazione. 

assicurazione , colf aire, libretto famiglia

L’assicurazione resta obbligatoria e viene come sempre corrisposta all’Inail: fra le novità di quest’anno il premio che raddoppia e passa da 12,91 a 24 euro, l’inserimento di una prestazione una tantum il periodo di copertura che passa da 65 a 67.

Il raddoppio della polizza prevede la copertura anche di infortuni che causeranno un grado d’invalidità superiore al 16% (rispetto all’attuale 27%) e se il grado di invalidità è compreso tra il 6 e il 15%, spetterà comunque un indennizzo pari a 300 euro, pagato una tantum. Aumenta anche la platea degli assicurati: si passa dagli attuali 65 ai 67 anni compiuti.

Per il momento l’assicurazione, obbligatoria, deve essere versata entro il 31 gennaio 2019: va pagata tramite il bollettino postale, tramite un bonifico, direttamente online. 

Sono obbligati ad assicurarsi tutti coloro che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 65 (poi 67) anni, che si prendono cura della casa e dei familiari, che non hanno alcun lavoro da dipendente e che svolgono il lavoro domestico in modo abituale, continuativo ed esclusivo, ragazzi e ragazze maggiorenni in attesa di impiego che nel frattempo lavorano alla cura della casa e dei familiari, studenti fuori sede che si prendono cura dell’appartamento in cui vivono mentre studiano, pensionati sotto i 65 anni di età (67 dal 2019), chi è in mobilità e in cassa integrazione guadagni, gli stranieri con permesso di soggiorno senza occupazione e i lavoratori stagionali o a tempo determinato.

Vengono esonerati dal pagamento del premio coloro che appartengono a un nucleo familiare in difficoltà, chi possiede un reddito personale non superiore a 4.648,11 euro annui e un reddito familiare ai fini Isee non superiore a 9.296,22 euro.

 

SMART WORKING, LE TUTELE DEI LAVORATORI INDICATE DALL’INPS

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>