Rottamazione ter, arrivano i moduli di adesione

di Fabiana Commenta

Rottamazione ter al via: l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha già messo a disposizione tutti gli strumenti per consentire ai contribuenti di presentare la domanda e per poter aderire alla rottamazione ter come previsto dall’articolo 3 del decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2019 (Dl 119/2018). 

evasione, concorso, rottamazione, agenzia delle entrate, spesometro 2017

La rottamazione ter consente ai contribuenti di poter sanare le cartelle esattoriali affidate all’agente della riscossione dal 2000 al 2017: la somma originariamente dovuta all’Agenzia va pagata per intero, anche se non viene prevista l’applicazione di sanzioni e interessi. 

Si mantiene lo stesso meccanismo anche per i provvedimenti di definizione agevolata degli ultimi due anni e l’Agenzia delle Entrate Riscossione ha già messo a disposizione i moduli disponibile online. 

Sono due i moduli a disposizione: 

  • modello DA-2018 previsto per i carichi affidati alla riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017;
  • modello DA-2018-D previsto per i debiti affidati alla riscossione a titolo di risorse proprie dell’Unione Europea.

La domanda deve essere presentata entro il 30 aprile 2019, consegnando il modulo direttamente allo sportello oppure inviandolo via PEC alla Direzione Regionale di Agenzia delle entrate-Riscossione competente. 

Il contribuente si impegna a rinunciare ai giudizi pendenti relativi ai carichi indicati nella medesima dichiarazione e decide se applicare o meno la rateazione che viene consentita in dieci rate che avranno cadenza semestrale e che potranno essere distribuiti nell’arco di cinque anni. 

Entro il 30 giugno 2019 l’Agenzia delle entrate-Riscossione provvederà invece ad inviare la “Comunicazione delle somme dovute” al contribuente con l’indicazione dell’importo da versare ovviamente insieme ai bollettini di pagamento in base al piano di rate indicato nel modello DA-2018.

DECRETO FISCALE, TUTTI I DETTAGLI DELLA ROTTAMAZIONE TER

photo credits | think stock

 

Rispondi