Compliance per i cittadini, come regolarizzare gli errori 

di Fabiana Commenta

Sono in arrivo da parte dell’Agenzia delle Entrate le lettere di compliance per poter invitare i cittadini a regolarizzare gli errori commessi nella dichiarazione dove si riscontri una forte differenza fra i redditi degli ultimi anni. 

Ma come regolarizzare gli errori commessi? Le indicazioni vengono fornite proprio dall’Agenzia delle Entrate che spiega che è possibile ricorrere a diverse modalità:

  • presentando una dichiarazione integrativa;
  • versando le maggiori imposte dovute e gli interessi, calcolati al tasso legale annuo dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente effettuato;
  • versando, in misura ridotta, le sanzioni specifiche delle violazioni oggetto di comunicazione e in essa contenute.

Dichiarazione integrativa

La dichiarazione integrativa dovrà essere presentata solo ed esclusivamente in via telematica (direttamente o tramite intermediario abilitato) e dovrà essere barrata l’apposita casella “dichiarazione integrativa” presente nel frontespizio del modello. Dovranno essere indicati come riporta l’Agenzia delle Entrate: 

  • i redditi o gli imponibili non dichiarati, come segnalato nella lettera ricevuta;
  • tutti gli altri dati già esposti nella dichiarazione originaria e che non richiedono alcuna modifica.

Per evitare errori, è sempre bene consultare le istruzioni per la compilazione dello specifico modello dichiarativo per l’anno di imposta in cui sono state commesse le violazioni già disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate nella pagina dedicata ai “Modelli di dichiarazione”.

Per i soggetti destinatari delle comunicazioni presenti nella sezione “Compliance per il cittadino “ in genere sono disponibili all’interno del “Cassetto fiscale” tre collegamenti telematici (link) che possono essere utilizzati per la predisposizione e l’invio della dichiarazione integrativa, e un foglio Avvertenze con ulteriori informazioni utili alla compilazione della dichiarazione integrativa.

I link disponibili sul cassetto fiscale sono:

  1. “scarica la dichiarazione da integrare”, consente di scaricare il file contenente la dichiarazione originaria presentata per l’anno d’imposta d’interesse, eventualmente già rettificata a seguito del controllo automatizzato (art. 36-bis DPR 600/73) e del controllo formale (art. 36-ter DPR 600/73).
  2. Se è presente la dichiarazione già precompilata dall’Agenzia delle Entrate selezionando il link
  3. “scarica la dichiarazione integrativa precompilata”, è possibile scaricare il file contenente la dichiarazione già precompilata con i dati oggetto della comunicazione e con le rettifiche eventualmente effettuate a seguito del controllo automatizzato (art. 36-bis DPR 600/73) e del controllo formale (art. 36-ter DPR 600/73)
  4. “scarica il software di compilazione”, consente di installare sul proprio pc il pacchetto UnicoOnLine da utilizzare per la predisposizione e l’invio della dichiarazione integrativa e per la compilazione della delega di pagamento modello F24.
  5. “presentazione della dichiarazione integrativa”, contiene le istruzioni per l’invio della dichiarazione integrativa.

EVASIONE, IN ARRIVO OLTRE 230MILA CONTROLLI

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>