Partita iva, ecco i nuovi poveri

di Fabiana Commenta

I nuovi poveri? Sono le partite Iva: una su quattro è finita sotto la soglia di povertà che riporta l’allarme della Cgia spiegando che le famiglie che vivono con un reddito da lavoro autonomo continuano ad essere quelle più a rischio.

Dati alla mano, risulta che nel 2015 il 25,8% dei nuclei familiari delle categorie con partite iva è riuscita a vivere al di sotto della soglia povertà calcolata dall’Istat.

partita iva

Insomma i nuovi poveri sono le partite iva e non i pensionati o i lavoratore dipendente: lo studio  Cgia ha calcolato che  se il reddito principale della famiglia è la pensione il rischio, scende al 21% e per le famiglie con stipendio/salario da lavoro dipendente il tasso si è fermato al 15,5%. 

Piccoli imprenditori, artigiani, commercianti, liberi professionisti e dei soci di cooperative continua a pagare le conseguenze di un crisi da cui non si è ancora effettivamente usciti.

PARTITE IVA A REGIME FORFETTARIO, I VANTAGGI

Il reddito delle famiglie con fonte principale da lavoro autonomo ha subito nel corso del lasso di tempo dal 2008-2014 un taglio di oltre 6.500 euro senza poter contare su un ulteriore fonte di sostegno.

A differenza dei lavoratori subordinati quando un autonomo chiude definitivamente l’attività non dispone di alcuna misura di sostegno al reddito. Perso il lavoro ci si rimette in gioco e si va alla ricerca di una nuova occupazione. In questi ultimi anni, purtroppo, non è stato facile trovarne un altro: spesso l’età non più giovanissima e le difficoltà del momento hanno costituito una barriera invalicabile al reinserimento, spingendo queste persone verso forme di lavoro completamente in nero. 

 

Spiega il coordinatore dell’Ufficio studi Paolo Zabeo spiegando che dal 2008 ai primi 6 mesi del 2017 i lavoratori autonomi sono diminuiti di 297.500 unità con una contrazione maggiore in Emilia Romagna,  Calabria, Liguria, Abruzzo.

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>