Inps, l’Osservatorio sul precariato, i flussi del 2017

di Fabiana Commenta

Pubblicati i dati dell‘Osservatorio sul precariato di dicembre 2017 nel settore privato che, sommati ai dati dell’intero anno, registrano flussi di assunzioni e cessazioni pari a +488mila.

Il saldo annuo complessivo che va a misurare la variazione delle posizioni di lavoro, riflette dinamiche diverse, pari a -117mila per i contratti a tempo indeterminato, a +58mila per i contratti di apprendistato, a +10mila per i contratti stagionali e, soprattutto, a +537mila per i contratti a tempo determinato.

I dati riportati dall’Inps confermano che è aumentato il turnover dei posti di lavoro anche grazie alla crescita delle assunzioni, con un aumento fra gennaio e dicembre 2017 del 18,8%, ma sono aumentate anche le cessazioni  (+17%).

La crescita delle assunzioni è data soprattutto dai contratti a tempo determinato (+27,3%), dall’apprendistato (+21,7%) mentre sono diminuite le assunzioni a tempo indeterminato (-7,8%) relativo alle assunzioni part time.

Tra le assunzioni a tempo determinato aumentano i contratti di somministrazione (+21,5%), i contratti di lavoro a chiamata con un incremento del 120%: un aumento significativo che può essere spiegato con il fatto che le imprese possano ricorrere a personale aggiuntivo i contratti di prestazione occasionale che sostituiscono i voucher.

Ridotta pertanto l’incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni.

Le trasformazioni di contratti da tempo determinato a tempo indeterminato, anche le prosecuzioni a tempo indeterminato degli apprendisti, sono state nel 2017 371mila, in flessione rispetto allo stesso periodo del 2016 (-15,6%).

Aumentano le cessazioni, soprattutto quelle dei rapporti a termine (+25,3%) mentre le cessazioni dei rapporti a tempo indeterminato sono in pratica stabili (-0,2%).

I licenziamenti per rapporti di lavoro a tempo indeterminato sono pari a 616mila, in diminuzione rispetto allo stesso periodo di gennaio-dicembre 2016 (-6,7%), ma aumentano le dimissioni (+6,1%) con un tasso di licenziamento pari al 5,3%.

Ridotte le assunzioni a tempo indeterminato intervenute a gennaio-dicembre 2017, inoltre tra gennaio e dicembre 2017 sono stati incentivati 58.942 rapporti di lavoro nell’ambito del programma “Garanzia giovani” e 111.466 rapporti di lavoro relativamente a “Occupazione Sud”.

BONUS SUD, COMPATIBILI CON GLI AIUTI DI STATO

 

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>