Anche la Germania a rischio recessione per il calo della produzione industriale

di GianniPug Commenta

Particolarmente preoccupante in questo momento in Germania è la situazione del mercato tedesco dell'auto, che nel mese di agosto a livello di produzione è crollato del 25 per cento.

Recessione – o quasi – anche per la Germania, la locomotiva tedesca che da tempo è il traino dell’economia d’Europa. Nel corso degli ultimi mesi, infatti, lo avevamo già anticipato, la Germania ha avuto una battuta d’arresto nella sua produzione industriale, cosa che è stata particolarmente sentita nel mese di agosto 2014. In quel mese, infatti, la produzione mensile è calata del 4 per cento, contro un calo stimato dell’1,5 per cento. 

154246020

Ma il calo che si è avuto nell’industria tedesca nel corso dell’ottavo mese dell’anno è stato anche il peggior calo a partire dal 2009, calo che ha fatto da seguito ad una prima riduzione verificatasi nel mese di luglio 2014. Anche in quella occasione, infatti, gli economisti sono stati costretti a rivedere le stime.

Cala per la prima volta il PIL della Germania dopo due anni di crescita

Nel secondo trimestre dell’anno 2014 il PIL della Germania era calato per la prima volta ad un livello dello 0,2 per cento. Se quindi le stime negative venissero confermate, anche la nazione tedesca si troverebbe ad affrontare un momento di recessione.

In calo l’indice Pmi dell’Eurozona nel mese di settembre 2014

Particolarmente preoccupante in questo momento in Germania è la situazione del mercato tedesco dell’auto, che nel mese di agosto a livello di produzione è crollato del 25 per cento. Solo nel lontano 1984 la locomotiva tedesca aveva raggiunto un risultato peggiore in questo comparto, ma allora era la stagione degli scioperi ad oltranza per il contratto da 35 ore, fenomeno sociale che ha contribuito a paralizzare la produzione per un certo periodo. E adesso invece?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>