Imu e Tasi 2017, sanzioni e ravvedimento per il mancato pagamento

di Fabiana Commenta

È scaduto il 16 giugno 2017 il termine ultimo per il pagamento della prima rata, in pratica l’acconto Imu e Tasi, le imposte sulle seconde case.

Al di là delle eventuali esenzioni che consentono di non pagare gli importi, è anche vero che in caso di mancato pagamento si ha comunque la possibilità di poter rimediare usufruendo del ravvedimento Imu e Tasi, sfruttando la riduzione delle sanzioni in proporzione al ritardo accumulato. 

Insomma c’è sempre modo di mettersi in regola anche se adesso è necessario dover pagare una sanzione pari al 30% dell’importo dovuto per regolarizzare la propria posizione. 

Ma attenzione: la sanzione del 30% è dovuta solo nel caso in cui il ritardo del pagamento arrivi a un anno a partire quindi dal 17 giugno 2018. 

IMU E TASI, LA VARIABILITA’ DEL GETTITO IN 5 ANNI

Se desiderate mettervi in regola ecco le quattro modalità previste in tempi diversi.

Il ravvedimento sprint, con la sanzione dello 0,1% giornaliero più interessi può essere effettuato per ogni giorno di ritardo in caso di pagamento Imu e Tasi entro 14 giorni dalla scadenza.

Il ravvedimento breve, con la sanzione fissa del 1,5% più interessi giornalieri per pagamento va effettuato dal 15° al 30° giorno di ritardo dalla scadenza Imu e Tasi.

Il ravvedimento medio, con la sanzione fissa dell’1,67% più interessi giornalieri per pagamento è valido dopo il 30° giorno e fino al 90° giorno dalla scadenza.

Il ravvedimento lungo con la sanzione fissa del 3,75% dell’importo più interessi giornalieri per pagamento viene effettuato dopo il 90° giorno di ritardo ed entro l’anno.

La sanzione ordinaria per chi omette ancora di versare Imu e Tasi entro il 16 giugno 2018 è pari al 30% dell’importo dovuto a titolo d’imposta.

photo credits | thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>