Equitalia, cartella illegittima per il pagamento del bollo auto 2013: che cosa fare

di Emma Commenta

Sono molti i cittadini che stanno ricevendo in questi giorni delle cartelle Equitalia relative al pagamento del bollo auto 2013 e gli stessi cittadini si sono rivolti all’Unione Nazionale dei Consumatori.

Il risultato? Si tratta di cartelle illegittime che non devono essere pagate. La notifica infatti sarebbe arrivata con troppo ritardo e la prescrizione per queste cartelle in realtà è già scattata lo scorso dicembre 2016.

Le notifiche sarebbero dovute arrivare entro e non oltre il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello del bollo anche se generalmente la prescrizione scatta dal primo gennaio dopo il terzo anno rispetto alla data di scadenza del pagamento. Nel caso in cui fosse arrivata nel corso dei tre anni una notifica, a questo punto decorrenza sarebbe ripartita da quella stessa data, in caso contrario, le cartelle devono essere annullate.

Equitalia continua a inviare la cartella di pagamento sostenendo che la prescrizione della cartella di pagamento non impugnata sarebbe sempre pari a 10 anni, ma chi abbia ricevuto una cartella illegittima per il pagamento del bollo auto 2013 deve però presentare un’istanza di sospensione a Equitalia entro e non oltre 60 giorni dalla notifica della cartella.

 

BOLLO AUTO, A CHI SPETTA L’ESENZIONE

Equitalia dovrà rispondere all’istanza, ma se la risposta sarà negativa il cittadino potrà ricorrere solo al giudice. È possibile anche ricorrere alla Commissione Tributaria Provinciale entro e non oltre 60 giorni dalla notifica della cartella in questione illegittima, ma prima del ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>