Dicembre 2018, le scadenze fiscali del mese

di Fabiana Commenta

Con l’inizio di dicembre si apre uno dei mesi più caldi e ricchi di scadenze fiscali i materia di versamenti e adempimenti per contribuenti e professionisti: tra gli appuntamenti più importanti, il saldo IMU e TASI, il versamento dell’acconto IVA, il pagamento dell’imposta di registro relativa ai contratti di locazione che fanno data dal primo giorno del mese. 

acconto iva, saldo iva, scadenza fiscale, fisco, tasse

Ecco nel dettaglio gli appuntamenti e le scadenze fiscali del messeri dicembre: 

3 Dicembre: 

I titolari di contratti di locazione e affitto devono versare l’imposta di registro relativa a contratti nuovi o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 1° novembre. In caso di registrazione telematica, il pagamento è contestuale alla registrazione.

7 Dicembre: 

I contribuenti che hanno aderito alla “rottamazione-bis” e quelli che non sono riusciti a saldare le rate in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018 e vogliano regolarizzare aderendo alla definizione agevolata prevista dal Dl 119/2018, la rottamazione-ter, dovranno  provvedere al pagamento delle somme scadute.

Chi intende avvalersi della definizione agevolata delle controversie tributarie (articolo 6, Dl 119/2018) per le somme iscritte a ruolo oggetto di rottamazione-bis dovranno provvedere al pagamento degli importi scaduti nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018.

17 Dicembre: 

IMU e TASI: previsto il pagamento della prima o unica rata dell’IMU 2018 e della TARI 2018. 

I contribuenti Iva mensili dovranno versare l’imposta dovuta per il mese di novembre, ma entro lo stesso giorno vanno cominciate in un unico documento riepilogativo le fatture di importo inferiore a 300 euro emesse nel mese di novembre. 

Le associazioni sportive dilettantistiche, le associazioni senza scopo di lucro e le associazioni pro loco che hanno optato per il regime forfetario dovranno annotare, anche con unica registrazione, l’ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguito nell’esercizio di attività commerciali facendo riferimento al mese precedente. 

Gli enti e gli organismi pubblici e le amministrazioni centrali dello Stato tenuti al versamento unitario di imposte e contributi.

È anche l’ultimo utile per regolarizzare i versamenti di imposte e ritenute non effettuati o in modo insufficiente da parte dei contribuenti tenuti al versamento unitario di imposte e contributi.

I sostituti d’imposta devono versare le ritenute operate nel mese di novembre sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, redditi di lavoro autonomo, provvigioni, redditi di capitale, redditi diversi, nonché le somme a saldo e in acconto trattenute sugli emolumenti o sulle rate di pensione corrisposte nel mese precedente e devono versare l’imposta sostitutiva dell’Irpef

27 Dicembre: 

I contribuenti Iva, soggetti agli obblighi di liquidazione e versamento, sia mensili che trimestrali, dovranno provvedere al versamento dell’acconto Iva relativo all’anno 2018.

31 Dicembre: 

I titolari di contratti di locazione e affitto dovranno versare l’imposta di registro relativa a contratti nuovi o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 1° dicembre. I locatori, persone fisiche, proprietari o titolari di diritti reali di godimento di unità immobiliari abitative locate, che hanno scelto il regime della cedolare secca, dovranno regolarizzare, tramite ravvedimento, il versamento della seconda o unica rata dell’imposta sostitutiva dovuta a titolo di acconto per l’anno 2018.

IMU E TASI, ARRIVA LA ROTTAMAZIONE?

photo credits| think stock

Rispondi