Termine pagamento fatture pubblica amministrazione

In Italia i tempi medi di pagamento delle fatture da parte della pubblica amministrazione per le prestazioni rese dalle piccole imprese sono di 180 giorni.

Nonostante il tempo medio rilevato sia di gran lunga superiore rispetto a quello degli altri Paesi europei, nella maggior parte dei casi gli imprenditori per incassare il pagamento si ritrovano ad attendere molto di pi๠e in alcuni casi, non rari, anche diversi anni.

Fondi fatture inevase PA per 1,4 miliardi di euro

Fondi fatture inevase PA per 1,4 miliardi di euro

Nonostante le continue proteste scatenate dai colossali ritardi con i quali le pubbliche amministrazioni sarebbero solite evadere la fatture emesse nei confronti dello Stato italiano dalle pi๠differenti piccole e medie imprese attive nel nostro Paese le aziende italiane non avrebbero sino ad oggi pienamente approfittato, come sarebbe stato in realtà  facile immaginare ed ipotizzare, dei fondi e degli strumenti messi a loro disposizione per cercare di ottenere quanto dovuto, con grande anticipo rispetto a quanto solitamente pronosticato, direttamente dagli istituti di credito italiani che poi, a propria volta, si sarebbero rivalsi nei confronti delle pubbliche amministrazioni.

Nuove regole fatturazione elettronica gennaio 2013

Nuove regole fatturazione elettronica gennaio 2013

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, attualmente presieduto dal Ministro Vittorio Grilli, dovrebbe recepire, entro martedଠ1 gennaio 2013, la Direttiva 2012/45/UE dell’Unione Europea che, come forse già  saprete, dovrebbe modificare le regole relative alla possibilità  di fatturazione elettronica tra due soggetti, giuridici o fisici, titolari di partita IVA.

Risposta lettera di sollecito pagamento fattura

La lettera di sollecito viene generalmente inviata nel caso in cui non èstato ricevuto un pagamento dovuto, non sono perಠesclusi casi in cui il mancato pagamento deriva da un disguido o da un errore non imputabile al soggetto tenuto al pagamento.

Il caso pi๠frequente riguarda il mancato pagamento di una fattura, a seguito del quale l’azienda che avrebbe dovuto ricevere la somma di denaro come compenso per la prestazione resa o per il servizio fornito invia una lettera di sollecito pagamento fattura al proprio cliente.

Responsabilità  del dipendente per fatture false

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 3621 del 9 febbraio 2011 ha stabilito che il dipendente che materialmente ha emesso un documento inesistente puಠrispondere in concorso del reato di emissione di fatture false.

Nel caso in esame, in particolare, la Suprema Corte ha confermato la sentenza emessa dalla Corte d’Appello, che aveva condannato la dipendente di un’azienda che si era occupata di emettere materialmente i documenti falsi utilizzati per una truffa, respingendo al contempo il ricorso presentato dalla dipendente accusata, che lamentava di non essere responsabile in quanto si era limitata ad eseguire gli ordini imposti dal suo datore di lavoro.