L'IMU non diventerà un'imposta comunale

I chiarimenti del MSE sulle assunzioni altamente qualificate

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di fornire ancora qualche indicazione alle imprese che vogliono fare delle assunzioni altamente qualificate, spiegando loro quando èpossibile che sia revocato il credito d’imposta e come deve essere aggiornata la certificazione contabile da parte delle PMI. 

Credito d’imposta con nuovo codice tributo per le imprese editoriali

nuovo codice tributario

Arriva un nuovo codice tributo “6837”, istituito dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 31/E del 4 aprile 2012, che le imprese editoriali dovranno indicare, tramite modello F24, per fruire, in compensazione, del credito d’imposta per l’acquisto di carta deputata alla stampa di libri e giornali.

Nella compilazione del modello F24, il nuovo codice tributo va indicato nella sezione “Erario”, colonna “importi a credito compensati”, riportando in formato AAAA nel campo “anno di riferimento” l’anno in cui èstata effettuata la spesa. Non sussistono problemi per i soggetti che hanno già  fatto uso del vecchio codice tributo, comunque valido per fruire dell’agevolazione.

Credito imposta ricerca e sviluppo prima del novembre 2008

A valere per le attività  che sono state avviate prima della data del 29 novembre del 2008, quest’anno sarà  possibile fruire del bonus, erogato sotto forma di credito di imposta, per la ricerca e per lo sviluppo. A darne notizia nella giornata di ieri, mercoledଠ19 ottobre del 2011, èstata l’Agenzia delle Entrate nel sottolineare come ora il bonus torni ad essere fruibile dopo che in passato, invece, per mancanza di fondi le domande non sono state evase.

Di conseguenza, i contribuenti rispettanti i requisiti per quest’anno potranno fruire del credito di imposta portandolo in compensazione, ed utilizzando il modello di pagamento unificato F24, in ragione di una percentuale massima, rispetto all’importo richiesto, pari al 47,53%.

Bonus occupazione e dimissioni del lavoratore

Nella selva di crediti d’imposta previsti dalle nostre leggi tributarie, un posto fra i principali èoccupato dal bonus riconosciuto per l’assunzione di lavoratori in una delle Regioni svantaggiate del Mezzogiorno.

In sostanza, se la media dei lavoratori occupati nell’anno èsuperiore rispetto a quella dell’anno precedente, e si ha dunque avuto un incremento di occupazione, si ha diritto ad un credito d’imposta pari a 333 euro al mese (416 se la persona assunta èuna donna in condizione di svantaggio).

Credito d’imposta per riacquisto della prima casa

Fra le svariate agevolazioni fiscali previste dal nostro ordinamento per favorire l’acquisto di abitazioni da destinare a prima casa, una delle pi๠importanti assume la forma del credito d’imposta.

Come già  chiarito, se l’acquisto èsoggetto ad IVA occorre pagare l’imposta di registro in maniera residuale, con l’importo fisso di 168 euro; se invece l’operazione èsente o esclusa dall’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di registro si calcola moltiplicando l’aliquota del 3% per la base imponibile, costituita dal valore di mercato del fabbricato.