Sull’Europa il flagello della disoccupazione

di Giuseppe Aymerich Commenta

Fra i vari effetti della crisi, la perdita dei posti di lavoro è forse quello che più preoccupa e colpisce le famiglie italiane ed europee..

Fra i vari effetti della crisi, la perdita dei posti di lavoro è forse quello che più preoccupa e colpisce le famiglie italiane ed europee.

I nuovi dati diffusi dalla Commissione Europea e riferiti all’anno 2009, non lasciano in effetti presagire niente di buono.

Si calcola che da gennaio a dicembre dell’anno in corso avranno perso il posto circa tre milioni e mezzo di lavoratori europei: circa l’1,6% della forza-lavoro complessiva. Di essi, la maggior parte saranno i precari cui non sarò confermato il contratto alla scadenza, ma ci sarà spazio anche per molti licenziamenti individuali e di massa, soprattutto nei settori dell’automobile, dei servizi finanziari, dei trasporti e dell’industria meccanica.


Questi dati non possono che peggiorare una situazione già difficile: si calcola che nel corso dell’anno passato la percentuale di disoccupati nel territorio comunitario sia salita dal 6,8% al 7,4%, e se le previsioni per il 2009 saranno confermate dai fatti, a dicembre si sarà raggiunto il 9%.

Ma gli effetti di questa autentica calamità non si propagheranno in maniera uguale in ogni area d’Europa. A subirne i principali effetti saranno soprattutto i Paesi che negli anni passati avevano il vento in poppa, come Spagna e Irlanda, e che ora dovranno ridimensionare le loro ambizioni; ma anche giganti consolidati come la Germania e la Francia non ne usciranno certo indenni.


L’Italia dovrebbe patire di meno gli effetti della crisi dell’occupazione, anche perché – va ricordato – il tasso delle persone prive di lavoro era già relativamente alto anche prima della crisi.
Andando infine a vedere le tipologie di lavoratori maggiormente colpiti, i colpi più duri li subiranno i giovani con scarsa qualificazione professionale, gli immigrati e i lavoratori con più di cinquant’anni di età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>