Sostegni alla maternità con il sistema Empower Woman Together

di GianniPug Commenta

Sostegni alla maternità con il sistema Empower Woman Together: un aiuto concreto alle neomamme che vogliono tornare a lavoro, a Roma.

Ogni volta che si organizzano delle iniziative che tengono in considerazione le donne e soprattutto le mamme, c’è molta attenzione sulle possibilità offerte dai microsistemi. L’ultimo in ordine cronologico è quello messo in piedi dal Bic Lazio per Innovazione sostantivo femminile

A Roma sta per prendere il via il progetto di Città delle mamme realizzato nel Municipio V grazie al Bic Lazio. Questo progetto si chiama “Empower Woman Together” ed è un’iniziativa concreata per sostenere le neomamme che tornano al lavoro dopo la maternità.

Come si usano i contributi figurativi maternità

Quello che è offerto alle mamme sono dei servizi finalizzati all’ampliamento della loro professionalità e delle loro conoscenza, tramite percorsi di orientamento e corsi d’eccellenza.

In pratica sono organizzati incontri di gruppo, percorsi di orientamento, bilanci delle competenze individuali e di gruppo e un corso per imparare a realizzare un video curriculum. A presentare alla stampa questo progetto ci ha pensato l’assessore alle Politiche sociali del Municipio Roma V:

Il progetto rappresenta uno dei doverosi passi che dobbiamo compiere in favore della comunità familiare. Sostenere le donne che vogliono inserirsi o restare nel mondo del lavoro, rappresenta una soluzione concreta a sostegno non solo delle neomamme ma dell’intera comunità. Dobbiamo impegnare le nostre forze in questa direzione, poiché il benessere nella realtà quotidiana può essere raggiunto anche rendendo più accessibile e aperto il mercato del lavoro, investendo in quelle preziose risorse che sono le donne.

I percorsi saranno ospitati nell’Alveare, coworking con spazio baby. Il progetto Empower Woman Together si propone di raggiungere 80 potenziali beneficiarie a cui proporre il servizio con l’obiettivo di avere un’aderenza alla proposta di almeno 30 donne/madri disoccupate o precarie, 30 donne accolte e almeno 20 che portano a termine il percorso (orientamento e formazione), 10 potenziali coworkers che utilizzino le postazioni e/o i servizi del coworking in forma individuale o associata (aziende).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>