Liquidazione AsPi indennità di disoccupazione

di Fabrizio Martini 1

La indennità di disoccupazione Aspi è stata introdotta con a legge n. 192 del 2012, ma è stata modificata successivamente da altri decreti ministeriali.

L’Inps ha fornito una serie di chiarimenti sulla liquidazione della nuova indennità di disoccupazione denominata AspiLa nuova assicurazione sociale per l’impiego, introdotta con la riforma Fornero del lavoro, è in vigore dal 1 gennaio 2013 rappresenta una nuova tipologia di indennità o sussidio di disoccupazione, in vigore dal 1 gennaio 2013, per effetto della riforma del lavoro.

La indennità di disoccupazione Aspi è stata introdotta con a legge n. 192 del 2012, ma è stata modificata successivamente da altri decreti ministeriali. Uno di questi è il decreto ministeriale del 25 gennaio 2013 che si è occupato di estendere questo diritto ad altre tipologie di soggetti.

In particolare l’Aspi è stata estesa ad una serie di tipologie di lavoratori che in precedenza non erano rientrati nel campo di applicazione della nuova indenità di disoccupazione. Il decreto del 25 gennaio 2013 ha previsto quindi un allineamento graduale del contributo Aspi all’aliquota contributiva ordinaria che ammonta alla percentuale dell’1,61%. Questo provvedimento avrà azione per un numero limitato di anni, in particolare dal 2013 al  2017.

Un successivo provvedimento interministeriale ha determinato per l’anno corrente gli importi e le misure delle indennità di disoccupazione ASpI e mini ASpI, che dovranno essere liquidate alla nuova platea degli assicurati.

Adesso l’Inps si è preoccupato di comunicare ulteriori novità e specificare altri dettagli relativi alla legislazione in materia di indennità di disoccupazione Aspi. Proprio ieri è stata diramata la circolare Inps n. 144 dell’8 ottobre 2013 con la quale vengono forniti una serie di istruzioni attuative del decreto di legge della riforma Fornero che ha istituito il nuovo sussidio di disoccupazione per tutti i soggetti per perdono il lavoro.

L’Inps ha quindi precisato che la nuova disoccupazione Aspi sarà valida ed applicabile a tutti  i lavoratori  dipendenti. Vengono quindi compresi anche tutti gli apprendisti e anche i soci lavoratori di cooperativa. Il requisito principale è quello di aver stabilito con attraverso la loro adesione oppure attraverso l’instaurazione di un rapporto associativo o di un rapporto di lavoro in forma  subordinata.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>