Home » Distacchi sindacali – Cosa prevede la riforma della Pubblica Amministrazione

Distacchi sindacali – Cosa prevede la riforma della Pubblica Amministrazione

Spread the love

A partire dal 1 settembre 2014, in attuazione alla Riforma della Pubblica Amministrazione che posta la firma del Ministro Marianna Madia, ai lavoratori del settore pubblico verranno dimezzate al 50 per cento le ore concesse per i permessi e i distacchi sindacali. Vediamo quindi cosa prevede l’applicazione del testo di legge in merito a questa ultima disposizione. 

Sintomi dello stress lavoro correlato

In merito alla nuova attuazione dei distacchi sindacali, i dirigenti e i dipendenti della Pubblica Amministrazione interessati potranno avvalersi di nuove disposizioni sui trasferimenti. Avranno cioèil diritto di essere trasferiti dietro loro richiesta, in un altra sede della propria amministrazione qualora dimostrino di aver svolto attività  sindacale e di aver avuto il domicilio nell’ultimo anno nella sede richiesta oppure in altra amministrazione anche di diverso comparto della stessa sede, con precedenza rispetto agli altri lavoratori.

> Meno permessi e distacchi sindacali per i dipendenti della Pubblica Amministrazione

I lavoratori che negli anni hanno fruito del distacco sindacale saranno quindi reinseriti all’interno della propria amministrazione secondo quanto previsto dal sistema classificatorio vigente o dalla qualifica dirigenziale di provenienza, conservando le anzianità  di servizio maturate e il trattamento economico pi๠favorevole tra quello vigente all’atto del trasferimento o quello previsto dal nuovo ruolo di appartenenza.

> Nessun pensionamento per Quota 96, medici e professori universitari

I lavoratori dipendenti e i dirigenti che verranno reinseriti nella loro sede non potranno perಠsvolgere attività  che inneschino un conflitto di interesse con quella sindacale precedentemente svolta, fermo restando il loro diritto a non essere discriminati sul posto di lavoro in merito ai compiti svolti in precedenza.