Oggi vertice su contratti tra governo, sindacati e Confindustria

di GianniPug Commenta

La ragione dell'incontro sta nella mancata crescita della competitività e della produttività del paese, bloccata, secondo alcuni, proprio dalla fissità delle regole negoziali di contrattazione.

Il premier Metteo Renzi ha programmato per la giornata di oggi un incontro a Palazzo Chigi in cui saranno presenti non solo i rappresentanti delle maggiori sigle sindacali italiane, come la Cgil, la Cisl e la Uil, ma anche il numero uno di Confindustria Giorgio Squinzi. In questa sede si avrà un confronto per il rilancio della produttività del paese. Al centro del confronto la riscrittura delle regole della contrattazione nei contratti di lavoro. 

diventare cittadino italiano

L’incontro è stato particolarmente voluto anche da una minoranza del Partito Democratico, ma la ragione della sua effettuazione sta nel fatto della mancata crescita della competitività e della produttività del paese, bloccata, secondo alcuni, proprio dalla fissità delle regole negoziali.

I contratti a tempo indeterminato sono sempre più rari in Italia

Nel corso dell’ultimo decennio la produttività dell’Italia è stata decisamente inferiore rispetto a quella di altri paesi europei come la Germania e la Francia perché le imprese italiane hanno investito poco in innovazione e formazione delle risorse umane, ma anche perché, secondo la Commissione Europea, in Italia esiste un disallineamento tra la produttività e le retribuzioni.

Sindacati – In arrivo un autunno di scioperi e manifestazioni per il lavoro

A questi primi mali, inoltre, bisogna anche aggiungere il fatto che sulla competitività dei prodotti pesano anche problemi come l’ampiezza del cuneo fiscale e di quello contributivo. La crescita del paese deve quindi essere vista, nell’ottica del governo, come una sfida in cui tutti devono fare la propria parte, compresi i sindacati e l’unione degli industriali. Per questo motivo si parlerà di legge sulla rappresentanza, integrazioni salariali e salario minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>