Bonus Assunzioni sud 2018, come funziona?

di Fabiana Commenta

Introdotto con il decreto attuativo ANPAL, il funzionamento del Bonus assunzioni sud  2018 è stato chiarito grazie alla divulgazione della circolare INPS n. 49 del 19 marzo 2018.

Il Bonus Assunzioni Sud 2018 è un bonus che viene destinato ai datori di lavoro del Sud Italia e del settore privato che vadano ad assumere giovani disoccupati che al momento dell’assunzione dovranno avere età compresa tra i 16 e i 34 anni.

bons assunzione, bonus materiale informatico

Possono accedere al bonus anche i lavoratori over 35 anni, ma che risultino disoccupati da almeno sei mesi.

Possono richiedere l’incentivo le aziende e i dati di lavoro si alcune regioni del Sud Italia, Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e il bonus potrà essere richiesto dal 1° gennaio 2018 ed il 31 dicembre 2018.

In sostanza viene riconosciuto l’esonero dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi Inail, per un periodo di 12 mesi e nel limite massimo di 8.060 euro.

Per poter godere del bonus è necessario effettuare serie di previste tipologie di contratti,

•contratto a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione);

•contratto di apprendistato professionalizzante;

•trasformazione da tempo determinato a tempo indeterminato, limitatamente ai rapporti di lavoro instaurati con giovani di età compresa tra i 16 e i 34 anni;

•soci lavoratori di cooperativa, se assunti con contratto di lavoro subordinato.

Non potranno invece beneficiare del bonus assunzioni Sud le assunzioni con contratto di lavoro domestico o intermittente e o le prestazioni di lavoro occasionale.

La domanda dovrà inoltre all’Inps la richiesta anche per rendersi cono dell’effettiva disponibilità dei fondi: la domanda va inviata con il modulo di domanda on-line “OMEZ”, disponibile all’interno dell’applicazione “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente”, sul sito internet www.inps.it, una domanda preliminare di ammissione all’incentivo.

Dovranno essere indiati una serie di dati:

•il lavoratore nei cui confronti è intervenuta o potrebbe intervenire l’assunzione;

•la regione e la provincia di esecuzione della prestazione lavorativa, che dovranno necessariamente rientrare tra le regioni per le quali è previsto il finanziamento;

•l’importo della retribuzione mensile media, comprensiva dei ratei di tredicesima e quattordicesima mensilità;

•la misura dell’aliquota contributiva datoriale che può essere oggetto di sgravio•

Spetterà a quel punto all’Inps effettuare tutte le verifiche necessarie per vedere se accettare o meno l’istanza del datore di lavoro: se la domanda preliminare dovesse essere accettata il datore di lavoro dovrà comunicare entro 10 giorni, pena la decadenza, l’avvenuta assunzione.

GARANZIA GIOVANI, COME FUNZIONA

BONUS MAMMA INPS, COME FUNZIONA

photo credits | think stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>