Ristorazione, è boom in Italia 

di Fabiana Commenta

È boom della ristorazione in Italia: nel corso degli ultimi 8 anni si è registrato un vero boom del settore della ristorazione nel nostro paese. 

Tutto merito della forse anche dei numerosi programmi di cucina in tv che tendono a promuovere la cucina in ogni salsa. 

Che sia boom di strutture della ristorazione, lo conferma il numero delle aziende di ristorazione iscritte alle Camere di Commercio che è cresciuto addirittura del 27,4% con una media annua del 3,4% con punte del 6,3% in Sicilia e del 5% in Campania. 

I dati presi in considerazione da Unioncamere-InfoCamere del Registro delle imprese italiane fanno riferimento a un lasso di 31 marzo 2011 e il 31 marzo 2019 e le imprese con attività nel settore della ‘ristorazione con somministrazione’.

Solo alla fine di marzo del 2019, le imprese del settore hanno raggiunto le 142.958 unità, oltre 30.724 in più rispetto alla stessa data del 2011. Spesso si tratta di ristoranti e strutture a conduzione familiare e che si affiancano non solo alle grandi imprese fino alla rete di franchising della cucina.

La crescita tende a concentrarsi soprattutto, e per i due terzi nelle regioni del Centro-Sud: delle 30mila realtà in più rilevate a marzo 2019, il 37% è localizzato nel Mezzogiorno, un altro 28% in quelle del Centro, con un incerto totale del 66% rispetto a quello complessivo. 

La regione più attiva è la Sicilia, dove tra 2011 e 2019 si è registrata una crescita del 50% (2.847 imprese in più), Campania (+39,8% corrispondenti a 3.661 realtà in più) e Lazio (+37,3% equivalente a 4.743 operatori in più). La Lombardia è invece la regione italiana con il maggior numero di ristoranti (20.000) e il saldo più elevato in valore assoluto (+4.777 imprese) negli otto anni considerati.

A livello provinciale, leader è Siracusa con una crescita del 72% nel numero degli operatori tanto che la tendenza parla chiaro: cinque delle posizioni della graduatoria sono occupate da altre province siciliane: Catania, Palermo e Trapani, mentre solo due province, Enna e Aosta, hanno perso numero di ristoranti in questo lasso di tempo. 

HOME RESTAURANT, COME APRIRE UN RISTORANTE DOMESTICO 

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>