Reddito di cittadinanza, vale quanto un part time al 60% delle ore

di Fabiana Commenta

Quanto vale il reddito di cittadinanza? Ha un importo troppo alto o un importo troppo basso? 

L’importo può arrivare al massimo a un importo di 780 euro per chi possieda i requisiti economici e viva in affitto: le domande per la richiesta del reddito sono partire lo scorso 6 marzo, ma si continua a discutere sul valore dell’importo che potrebbe da una parte disincentivare la ricerca di un lavoro o limitare stipendi troppo bassi.

servi iswelfare, reddito di cittadinanza,, carta famiglia, dsu,rei, carta acquisti, sia, social card

Le ultime modifiche in Senato, hanno anche fissato una soglia al di sopra della qualche diventa obbligatorio accettare un lavoro: l’importo è pari a 858 euro, il 10% in più del livello massimo di sussidio previsto. 

Il Reddito di cittadinanza in effetti paga quanto incassa un dipendente part-time intorno al 60% dell’orario come emerso dall’analisi compiuta dall’Osservatorio di JobPricing effettuata da Repubblica. Il reddito in sostanza sarebbe pari al salario dal lavoro dipendente al livello minimo per un part-time che e potrebbe variare fra il 58% e il 63%, con una media di uno stipendio part time al 60%.

Con il decreto al Senato è anche arrivare la stressa sul reddito o meglio sui requisiti per il reddito e una serie di obblighi per i beneficiari del reddito di cittadinanza, le cosiddette norme anti-divano. 

Chi percepisce il reddito può rifiutare offerte di lavoro con stipendio inferiore a 858 euro senza perdere il sussidio. 

Gli 858 euro rappresentano infatti il il 10% in più dell’importo massimo di sussidio previsto diventando una sorta di salario minimo. 

Tre le modalità di richiesta del reddito di cittadinanza: si può effettuare la domanda per il reddito di cittadinanza direttamente online tramite il portale raggiungibile all’indirizzo www.redditodicittadinanza.gov.it. 

Si può fare richiesta direttamente allo sportello  attiva la possibilità di recarsi direttamente alle Poste, ma solo il quinto giorno di ciascun mese e dopo l’accordo fra Caf e Inps è possibile recarsi presso i centri di assistenza fiscale. 

REDDITO DI CITTADINANZA, COME FUNZIONA L’ACCORDO INPS-CAF

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>