Elevata evasione fiscale negli stabilimenti balneari

di Giuseppe Aymerich Commenta

Le leggi fiscali consentono a diverse categorie di imprenditori di non emettere alcun tipo di certificazione degli incassi, in relazione ad un ampio ventaglio di attività..

Le leggi fiscali consentono a diverse categorie di imprenditori di non emettere alcun tipo di certificazione degli incassi, in relazione ad un ampio ventaglio di attività: l’esempio degli edicolanti è il più evidente. La causa di tale agevolazione dipende dall’evidente difficoltà di battere regolare scontrino in situazioni non favorevoli.


Fra i destinatari dell’agevolazione ci sono anche gli stabilimenti balneari, per l’affitto di ombrelloni, lettini e altre attrezzature da spiaggia. Questo non significa, ovviamente, che tali incassi non vadano denunciati: l’imprenditore ha l’obbligo di registrarli quotidianamente in un apposito libro contabile, il registro dei corrispettivi. Tuttavia, è facilmente intuibile come, spesso e volentieri, una parte degli incassi venga “dimenticato” per strada e non registrato.
La Guardia di Finanza, da alcuni anni, ha intensificato i controlli sui litorali di tutta Italia. Sebbene ricostruire i redditi non denunciati (e l’imponibile IVA non dichiarato) sia tutt’altro che agevole e occorra ricorrere a presunzioni più o meno fondate, i controlli raramente lasciano delusi i verificatori.


Alcuni dati sono stati recentemente diffusi dal comando della GdF del Lazio: dal 2007, ogni estate i litorali laziali sono battuti dagli ispettori del Fisco, che riscontrano irregolarità di vario genere nel 45% degli oltre quattromila controlli annui eseguiti. La mancata certificazione dei corrispettivi occupa un posto d’onore fra le irregolarità accertate, ma gli effetti più pesanti si manifestano nell’imponibile IRPEF/IRES e IVA evasi: sono nel 2009 sono stati accertati oltre due milioni di incassi non dichiarati.

C’è poi un’altra irregolarità, di natura non fiscale, che le Fiamme Gialle riscontrano nella metà dei controlli: le violazioni in merito all’obbligo di esporre i prezzi, che devono essere pubblicati e mantenuti entro una certa forbice. Le sanzioni in proposito sono molto pesanti, intorno ai 3.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>